Mobilità 2016/17: riepilogo fasi, precedenze, date pubblicazione trasferimenti

Stampa

Per l’a.s. 2016/17, le operazioni di mobilità, dopo la definizione del Contratto Integrativo hanno previsto due fasi distinte:

Per l’a.s. 2016/17, le operazioni di mobilità, dopo la definizione del Contratto Integrativo hanno previsto due fasi distinte:

  • la prima fase (A dell'art 6 del CCNI), il cui inoltro delle domande è terminato il 23 aprile 2016, in cui sono stati effettuati i trasferimenti dei docenti all'interno delle singole province, con la consueta mobilità da scuola a scuola;

  • la seconda fase (B, C e D dell'art. 6 del CCNI), in cui si sono prodotte le domande per i movimenti dei docenti tra province, con trasferimenti tra ambiti territoriali. La scadenza delle domande per questa fase è terminata il 3 giugno.

Per la seconda fase sono state previste tre fasi:

FASE B

Docenti assunti entro il 2014/15 (sottofasi B1 e B2)

Hanno inoltrato domanda (in deroga al vincolo triennale) per partecipare a questa fase i docenti assunti entro il 2014/15.

Tali docenti hanno potuto inoltrare domanda di trasferimento e/o passaggio (sia di cattedra che di ruolo) tra province diverse.

Per tali docenti la domanda è stata facoltativa. Hanno potuto scegliere all’interno del modulo domanda minimo un ambito e fino a 100. Così anche per il numero di province.

Il docente che abbia espresso anche solo un ambito non è soggetto a trasferimento d’ufficio sugli altri ambiti non espressi. Se non ottiene trasferimento/passaggio per gli ambiti richiesti, rimane nella scuola in cui è attualmente in servizio. Non perde quindi l’attuale titolarità.

Nel caso abbia espresso un solo ambito potrà ottenere la titolarità in una delle scuole incluse nell’ambito. Se ha espresso più ambiti, ferma restante la possibilità di titolarità per le scuole del primo ambito, a partire dal secondo ambito la titolarità è solo su ambito.

Nel caso abbia prodotto movimento provinciale (Fase A) e interprovinciale (Fase B) prevarrà quest’ultimo.

In questa fase, il docente che ha prodotto domanda di trasferimento potrà avere precedenza indipendentemente dal punteggio, se è personale che rientra nelle seguenti categorie:

  • Art 21 (disabilità personale con un grado di invalidità superiore ai 2/3);

  • Personale non necessariamente disabile che ha bisogno di cure continuative;

  • Personale con disabilità grave (art 3 comma 3 legge 104/92);

  • Assistenza al disabile in condizione di gravità: assistenza al figlio, tutela legale, assistenza alla sorella o al fratello; assistenza al coniuge;

  • Avvicinamento al coniuge militare trasferito d’ufficio;

  • Espletamento del mandato amministrativo per personale che ricopre cariche pubbliche nelle amministrazioni degli enti locali;

  • Sindacalista che termina dell’aspettativa sindacale di cui al C.C.N.Q. sottoscritto il 7/8/1998.

Docenti neo assunti l’1/9/2015 dalle fasi B e C del Concorso 2012 (sottofase B3)

Hanno inoltrato domanda per partecipare alla fase B anche i docenti neo assunti l’1/9/2015 dalle fasi B e C del Concorso 2012.

Tali docenti hanno potuto inoltrare domanda di trasferimento per l’assegnazione definitiva di un ambito nella provincia di assunzione. La titolarità è solo su ambito. Nel caso non abbiano prodotto domanda verrà assegnato loro d’ufficio un ambito tra quelli presenti nella provincia di assunzione.

In questa fase, il docente che ha prodotto trasferimento potrà avere precedenza indipendentemente dal punteggio, se è personale che rientra nelle seguenti categorie:

  • Art 21 (disabilità personale con un grado di invalidità superiore ai 2/3);

  • Personale non necessariamente disabile che ha bisogno di cure continuative;

  • Personale con disabilità grave (art 3 comma 3 legge 104/92);

  • Assistenza al disabile in condizione di gravità: assistenza al figlio, tutela legale, assistenza alla sorella o al fratello; assistenza al coniuge o al genitore;

  • Avvicinamento al coniuge militare trasferito d’ufficio;

  • Espletamento del mandato amministrativo per personale che ricopre cariche pubbliche nelle amministrazioni degli enti locali.

FASE C

Hanno inoltrato domanda per l’assegnazione definitiva di un ambito a livello nazionale i docenti neo assunti l’1/9/2015 da GAE nelle fasi B e C del piano di assunzioni. La titolarità sarà solo su ambito.

I docenti che non abbiano indicato tutti gli ambiti nazionali e tutte le province (100+100), qualora non saranno soddisfatti nelle preferenze indicate verranno trasferiti a partire dalla provincia del primo ambito indicato. Il trasferimento anche in quest’ultimo caso terrà comunque conto del punteggio del docente.

I docenti che non abbiano presentato domanda saranno invece trasferiti con punti 0 e verranno trattati a partire dalla provincia di nomina.

In questa fase, il docente che ha prodotto domanda potrà avere precedenza indipendentemente dal punteggio, se è personale che rientra nelle seguenti categorie:

  • Art 21 (disabilità personale con un grado di invalidità superiore ai 2/3);

  • Personale non necessariamente disabile che ha bisogno di cure continuative;

  • Personale con disabilità grave (art 3 comma 3 legge 104/92);

  • Assistenza al disabile in condizione di gravità: assistenza al figlio, tutela legale, assistenza alla sorella o al fratello; assistenza al coniuge;

  • Avvicinamento al coniuge militare trasferito d’ufficio;

  • Espletamento del mandato amministrativo per personale che ricopre cariche pubbliche nelle amministrazioni degli enti locali.

FASE D

Hanno inoltrato domanda (in deroga al vincolo triennale) per partecipare a questa fase i docenti neo assunti l’1/9/2015 da GAE e da CONCORSO nelle fasi 0 e A del piano di assunzioni e i docenti neo assunti da fase B e C dal concorso 2012 del piano di assunzioni. Hanno potuto richiedere trasferimento tra province diverse. La titolarità sarà solo su ambito.

Per tali docenti la domanda è stata facoltativa. Hanno potuto scegliere all’interno del modulo domanda minimo un ambito e fino a 100. Così anche per il numero di province.

Il docente che abbia espresso anche solo un ambito non è soggetto a trasferimento d’ufficio sugli altri ambiti non espressi. Se non ottiene trasferimento per gli ambiti richiesti, rimane nella scuola che avrà ottenuto nella FASE A provinciale (per i docenti di fase 0 e A del piano di assunzioni) e B3 provinciale (per i docenti assunti in fase B e C dal concorso 2012 del piano di assunzioni). Non perde quindi la titolarità (su scuola o su ambito) assegnata in fase A.

Se otterranno trasferimento interprovinciale e indipendentemente dal numero di ambiti espressi nella domanda (quindi anche solo per il primo ambito), la titolarità sarà su ambito.

Nel caso il trasferimento interprovinciale verrà soddisfatto prevarrà sull’assegnazione della sede provinciale ottenuta in fase A o B3.

In questa fase, il docente che ha prodotto domanda potrà avere precedenza indipendentemente dal punteggio, se è personale che rientra nelle seguenti categorie:

  • Art 21 (disabilità personale con un grado di invalidità superiore ai 2/3);

  • Personale non necessariamente disabile che ha bisogno di cure continuative;

  • Personale con disabilità grave (art 3 comma 3 legge 104/92);

  • Assistenza al disabile in condizione di gravità: assistenza al figlio, tutela legale, assistenza alla sorella o al fratello; assistenza al coniuge;

  • Avvicinamento al coniuge militare trasferito d’ufficio;

  • Espletamento del mandato amministrativo per personale che ricopre cariche pubbliche nelle amministrazioni degli enti locali.

Pubblicazione dei movimenti Fasi B, C e D

  • scuola dell’infanzia e scuola primaria: 18/7           

  • scuola secondaria di I grado: 28/7

  • scuola secondaria di II grado: 9/8 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur