Mobilità 2016/17. Neo assunti fasi B e C, Gilda: domanda al “buio”, non si conoscono disponibilità. Ritardo e chiusura MIUR su “chiamata diretta”

Stampa

Gilda – E' una domanda di mobilità “al buio” quella che in questi giorni stanno presentando i neo assunti nelle fasi B e C. A sottolinearlo è la Gilda degli Insegnanti che spiega: “Per questi docenti la richiesta di trasferimento è unsalto nel vuoto perché non sanno minimamente in quale dei 100 ambiti indicati saranno inseriti né a quali posti verranno assegnati poiché non c'è unadefinizione chiara e precisa delle disponibilità”. 

Gilda – E' una domanda di mobilità “al buio” quella che in questi giorni stanno presentando i neo assunti nelle fasi B e C. A sottolinearlo è la Gilda degli Insegnanti che spiega: “Per questi docenti la richiesta di trasferimento è unsalto nel vuoto perché non sanno minimamente in quale dei 100 ambiti indicati saranno inseriti né a quali posti verranno assegnati poiché non c'è unadefinizione chiara e precisa delle disponibilità”. 

“Ad aggravare la situazione – incalza la Gilda – è il ritardo con cui procede la sequenza contrattuale che era attesa entro 30 giorni dalla firma del CCNI, cioè entro l'8 maggio. Secondo quanto emerge dagli incontri al Miur, sembra che da parte dell'Amministrazione non ci sia alcuna intenzione di definire criteri oggettivi in grado di arginare la discrezionalità della chiamata diretta da parte dei dirigenti scolastici. Una chiusura – commenta la Gilda – più che prevedibile perché per viale Trastevere cedere su questo punto significherebbe demolire i pilastri principali su cui si fonda la legge 107/2015. Si confermano, dunque, le ragioni per cui a febbraio abbiamo deciso di non firmareil contratto sulla mobilità e di percorrere la strada del referendum”.

Roma, 16 maggio 2016

Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!