Mobilità 2016. Alla riunione per i criteri della chiamata diretta ci sarà anche la Gilda

Stampa

Il sindacato Gilda degli Insegnanti, pur non avendo firmato il contratto mobilità per l'a.s. 2016/17, sarà riammessa alle riunioni al Miur per discutere di chiamata diretta, ambiti territoriali, organici e licei musicali.

Il sindacato Gilda degli Insegnanti, pur non avendo firmato il contratto mobilità per l'a.s. 2016/17, sarà riammessa alle riunioni al Miur per discutere di chiamata diretta, ambiti territoriali, organici e licei musicali.

La riunione per definire la sequenza contrattuale è stata convocata dal Miur per il 27 aprile. 

Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Federazione Gilda-Unams, commenta con soddisfazione la convocazione da parte del Miur dopo il parere espresso dall'Aran circa l'illegittima esclusione della Fgu dalle trattative.

Il 15 marzo scorso, in seguito alla mancata convocazione a una riunione indetta al Miur sulla sequenza contrattuale riguardante i licei musicali, il sindacato aveva inviato un telegramma di protesta al ministro dell'Istruzione Stefania Giannini e al capo dipartimento per il Sistema Educativo di Istruzione e Formazione Rosa De Pasquale.

“ Per prassi consolidata – spiega Di Meglio – le sequenze contrattuali costituiscono un atto contrattuale autonomo al quale hanno diritto di partecipare tutte le organizzazioni sindacali rappresentative. Avremmo potuto impugnare il contratto, ma non l'abbiamo fatto per rispetto degli insegnanti di tutta Italia che aspettavano con ansia di poter fare le domande di mobilità. Domani, con il senso di responsabilità che ci contraddistingue, – conclude il coordinatore nazionale della Fgu – parteciperemo alla riunione indetta al Miur cercando come sempre di rappresentare e difendere al meglio i diritti dei docenti”.

Tutto sulla mobilità 2016

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese