Mobilità 2015: domande al via su Istanze on line. Scadenza insegnanti 16 marzo. Prime indicazioni

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Disponibili su Istanze on line le domande di mobilità 2015/16 per gli insegnanti. La scadenza è fissata al 16 marzo 2015, salvo eventuale proroga, già richiesta dai sindacati.

Disponibili su Istanze on line le domande di mobilità 2015/16 per gli insegnanti. La scadenza è fissata al 16 marzo 2015, salvo eventuale proroga, già richiesta dai sindacati.

Se non sei ancora registrato segui la guida

Il personale deve indirizzare le domande di trasferimento e di passaggio, corredate dalla relativa documentazione, all'Ufficio scolastico della provincia di titolarità. La domada on line sarà ricevuta dal Dirigente scolastico dell'istituto presso cui presta servizio, che le trasmetterà all'Ufficio Scolastico.

Qualora l'interessato presti servizio' in una provincia diversa da quella di titolarità, le istituzioni scolastiche devono inviare tempestivamente le domande di mobilità presentate dal personale agli Uffici territorialmente competenti rispetto alla provincia di titolarità del medesimo personale.

Il personale per qualsiasi motivo senza sede definitiva deve indicare soltanto i dati relativi alla sede di servizio.

Le domande del personale eventualente nominato a tempo indeterminato per l'a.s. 2014/15 dopo il 16 marzo 2015 e quelle del personale dichiarato soprannumerario dovranno essere presentate su modello cartaceo.

Il personale che presta servizio presso uffici di amministrazioni statali, presenta la domanda di trasferimento al dirigente scolastico dell'istituto di titolarità.

Il personale, il cui rientro e restituzione al ruolo di provenienza viene disciplinato dall'art. 5, commi 1 e 2, del C.C.N.1. sulla mobilità, deve presentare domanda all'Ufficio scolastico competente rispetto alla provincia scelta per il rientro, entro il 2 marzo 2015, ai fini dell'assegnazione di sede di titolarità prima delle operazioni di mobilità.

Le domande dei docenti appartenenti ai ruoli della Val d'Aosta, intese ad ottenere il trasferimento o il passaggio nelle scuole del rimanente territorio nazionale, debbono essere inviate all'Ufficio scolastico regionale per il Piemonte.

I docenti che intendono chiedere contemporaneamente il trasferimento ed il passaggio debbono presentare una domanda per il trasferimento e tante domande quanti sono i passaggi richiesti.

Le domande di passaggio di ruolo possono essere presentate per un solo ruolo. In caso di richiesta contemporanea di trasferimento e di passaggio è consentito documentare una sola delle domande, essendo sufficiente per l'altra il riferimento alla documentazione allegata alla prima.

Le domande di passaggio di cattedra o di ruolo debbono contenere l'indicazione della specifica o delle specifiche abilitazioni possedute, ove necessarie per ottenere il passaggio, o del titolo di specializzazione per l'accesso a scuole con finalità speciali.

Le domande debbono essere corredate dalla documentazione attestante il possesso dei titoli per l'attribuzione dei punteggi previsti dalle tabelle di valutazione allegate al contratto sulla mobilità del personale della scuola, nonché da ogni altra certificazione richiesta dallo stesso contratto o dalla presente ordinanza.

I titoli di servizio valutabili ai sensi della relativa tabella devono essere attestati dall'interessato sotto la propria responsabilità con dichiarazione personale analoga al modello riportato negli allegati alla presente ordinanza o a quello predisposto nell'area POLIS e riportati nell'apposita casella del modulo domanda.

I titoli valutabili per esigenze di famiglia devono essere documentati secondo quanto indicato nell'art. 9 del contratto sulla mobilità.

Per la compilazione lo speciale di OrizzonteScuola.it Mobilità insegnanti, ATA, personale educativo di ruolo 2015. Guide, scadenze, consulenza, sentenze

 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur