Mobilità 2014: possibile presentare domanda anche se manca accordo su applicazione area unica sostegno II grado. Ricadute sul personale precario

di Lalla
ipsef

red – Il personale docente ed educativo può presentare domande di mobilità per l’a.s. 2014/15 dal 28 febbraio al 29 marzo 2014. Miur e sindacati devono ancora trovare l’accordo su come formulare l’art. 30 del CCNI in base all’art. 15 comma 3 della Legge 128/13 (unificazione graduale delle 4 aree di sostegno della scuola secondaria di II grado). Non vi saranno comunque cambiamenti nella modulistica, per cui è possibile compilare le domande. Si cercherà di tutelare anche il personale precario.

red – Il personale docente ed educativo può presentare domande di mobilità per l’a.s. 2014/15 dal 28 febbraio al 29 marzo 2014. Miur e sindacati devono ancora trovare l’accordo su come formulare l’art. 30 del CCNI in base all’art. 15 comma 3 della Legge 128/13 (unificazione graduale delle 4 aree di sostegno della scuola secondaria di II grado). Non vi saranno comunque cambiamenti nella modulistica, per cui è possibile compilare le domande. Si cercherà di tutelare anche il personale precario.

Il Miur lo specifica nell’Ordinanza del 28 febbraio 2014, in cui specifica che sarà possibile riaprire il confronto negoziale sulla

"mobilità relativa alla dotazione organica provinciale di sostegno nella scuola secondaria di II grado alla luce delle novità introdotte dall’art. 15 della Legge 128/13 (unificazione graduale delle 4 aree disciplinari art. 1),

Riguardo a questo ultimo punto si precisa che è in corso il confronto tra le parti.

Seguici anche su FaceBook. News in tempo reale

L’ipotesi di sequenza contrattuale che ne deriverà conterrà una nuova formulazione dell’art. 30 conseguente alla necessità di reperire nell’articolo in questione le disposizioni contenute nell’art. 15 del DL 104/2013 convertito in L. 8.11.2013 n. 128.

Tale legge infatti all’art. 15 comma 3 dispone l’unificazione delle aree disciplinari di cui all’art. 13 comma 5 della legge 104/92.

Ciò comporta la costituzione, ai fini della mobilità della scuola secondaria di II grado, di un contingente provinciale unico di posti della dotazione organica di sostegno.

Si sottolinea che la nuova formulazione dell’art. 30 non comporterà nessuna modifica nella modulistica e quindi nessuna variazione nella compilazione delle domande di mobilità, ma avrà effetti nei movimenti del personale interessato che, accedendo ad un’area unica, avrà maggiori opportunità di coprire i posti vacanti".

Finora però tale accordo non è stato raggiunto.

L’orientamento dell’Amministrazione è che l’organico di sostegno della scuola secondaria di II grado (DOS) sia unificato, ai soli fini dell’effettuazione della mobilità sia provinciale (II fase per il trasferimento da posto comune a sostegno e viceversa), che interprovinciale.

Di parere contrario rimane la Gilda Unams. La delegazione ha ribadito la contrarietà ad anticipare al 2014/15 la suddetta unificazione che diverrà operativa per le immissioni in ruolo e le supplenze dall’ anno scolastico 2017/18, cioè quando ci sarà l’aggiornamento delle GaE per il triennio 2017/2020

Secondo la Gilda, quindi, per non incidere negativamente né sulle immissioni in ruolo, né sulle supplenze, tale unificazione può trovare applicazione solo con le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie e non con la mobilità definitiva.

I tenici del SIDI, che hanno partecipato agli incontri Miur – sindacati, hanno contribuito alla ricerca di una soluzione, affrontando gli aspetti tecnici per la maggior tutela del personale a tempo determinato e di chi aspira alle immissioni in ruolo, cui va destinato il 50% delle disponibilità residuate dopo la fase provinciale.

Nonostate i già numerosi incontri, non si ha ancora una soluzione.

Guide, consulenza, normativa nello speciale Mobilità 2014 di OrizzonteScuola.it

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione