Miur e USR delegano dirigenti scolastici a difendere in tribunale l’Amministrazione, Udir invierà diffida

WhatsApp
Telegram

comunicato Udir – Al Ministero dell’Istruzione hanno confuso i dirigenti scolastici italiani per dei dipendenti pubblici tuttofare. Non basta che risultano oberati di lavoro e di responsabilità immani, rischiando pure il carcere per colpe non loro, e gestiscono in media tra i cinque e i dieci plessi a testa: ora si devono trasformare pure in avvocati dello Stato. Perché gli uffici Scolastici Regionali di diverse regioni, le sezioni periferiche del Miur, in questi giorni stanno procedendo a rilasciare una serie di deleghe ai dirigenti scolastici per difendere l’amministrazione nelle cause di lavoro promosse dai dipendenti della scuola.

In pratica, i nostri capi d’istituto tuttofare si sostituiscono a tutti gli effetti all’Avvocatura generale dello Stato e ai suoi legali di professione. Allargando ulteriormente la forbice tra le sempre più numerose competenze e professionalità a trecentosessanta gradi richieste e l’entità degli stipendi a loro assegnati, terribilmente più bassi di quelli dei colleghi della stessa area di lavoro, con un disavanzo annuo medio di circa 40mila euro annui.

“Si tratta di un’abitudine illegittima per almeno due motivi – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir e Anief – prima di tutto perché l’incombenza è attribuita dalla legge vigente ai funzionari degli uffici legali, istituiti presso le amministrazioni periferiche del Ministero dell’Istruzione. Quindi, non può essere ‘scaricata’ sui dirigenti scolastici. In secondo luogo, con questa richiesta anomala si va a gravare su una categoria già impegnata con un numero sempre più elevato di adempimenti. Per noi i presidi non sono dunque tenuti a surrogare gli appositi uffici, anche perché non hanno le competenze tecniche per svolgere questa delicatissima attività. Nel frattempo, invitiamo gli stessi dirigenti scolastici a chiarire tale posizione con l’amministrazione regionale di appartenenza”.

Per questi motivi, il sindacato Udir sta predisponendo una nota di protesta ufficiale da inviare alla Ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, e al Direttore Generale dell’USR Sardegna, Francesco Feliziani, per diffidare l’amministrazione pubblica ad interrompere tale illegittima procedura nei confronti dei dirigenti scolastici.

Con l’occasione, Udir ricorda che con l’approvazione dell’art. 1, comma 591 della legge 27 dicembre 2017, n. 205, è infatti possibile annullare i giudizi di primo o secondo grado e l’eventuale condanna alle spese, laddove si è chiesto nel ricorso principale, prima dell’entrata in vigore della nuova norma, anche il riconoscimento della parte fissa della retribuzione di risultato per il triennio 2015/2018. A queste condizioni, il dirigente che ha già presentato ricorso può rivolgersi al nostro ufficio legale per impugnare il tutto, se ancora entro i termini: basta scrivere a [email protected] Chi non ha mai presentato ricorso, invece, può ottenere fino a 43mila di euro di arretrati, impugnando il prossimo contratto della dirigenza. Per aderire cliccare sul seguente link.

15 gennaio 218

Ufficio Stampa Udir

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur