Miur ha pronto piano taglia-posti: da settembre -34mila

di redazione
ipsef

TMNews – Ancora tagli in vista agli organici della scuola: il Miur, il ministero dell’Istruzione, ha confermato ai sindacati di avere intenzione di rispettare fino in fondo la cura ‘dimagrante’ triennale fissata nel 2008 con l’articolo 64 della legge 133, annunciando che all’inizio del prossimo anno scolastico si attuerà la riduzione di 19.700 cattedre e di 14.167 unità di personale Ata.

TMNews – Ancora tagli in vista agli organici della scuola: il Miur, il ministero dell’Istruzione, ha confermato ai sindacati di avere intenzione di rispettare fino in fondo la cura ‘dimagrante’ triennale fissata nel 2008 con l’articolo 64 della legge 133, annunciando che all’inizio del prossimo anno scolastico si attuerà la riduzione di 19.700 cattedre e di 14.167 unità di personale Ata.

E poiché nell’anno in corso il piano di ridimensionamento non è stato completato – dei circa 40mila posti da tagliare, oltre 7mila, tra docenti e Ata, alla fine sono stati ripristinati per motivi di diritto allo studio – il ministero di viale Trastevere ha annunciato ai sindacati che intende attuare un piano rigorosissimo.

Oltre ai tagli derivanti dalla riforma delle superiori, che entrerà in vigore nel biennio, il ministero ha annunciato la volontà di innalzare il rapporto alunni-classi, di estendere il ‘maestro prevalente’ nella primaria, di procedere all’ulteriore eliminazione di 4.700 docenti specialisti di lingua inglese, sempre nelle ex elementari, e di tagliare 3mila posti nei corsi serali della secondaria.

Scenderà ancora, inoltre, il numero di ore di lezione settimanali svolte oggi dagli studenti delle classi terze degli istituti professionali: dopo il passaggio nell’anno in corso, da 36 a 34, da settembre passeranno a 32. Una disposizione, a dire il vero, già prevista dal regolamento della riforma del professionali (dpr 87/2010), ma che dopo il ricorso dello Snals, accolto prima dal Tar ed in parte dal Consiglio di Stato, diversi addetti ai lavori pensavano non venisse applicata.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione