Il MIUR deve concedere pasti gratuiti al personale che fa servizio mensa in compresenza con i docenti di sostegno

WhatsApp
Telegram

La CGIL ha chiesto all’Amministrazione di attivarsi  quanto prima per mettere il personale della scuola, impegnato nel servizio mensa a sostegno degli alunni con disabilità, nelle condizioni di svolgere con serenità il proprio compito.

In qualche comune viene negato al personale il pasto gratuito se il servizio si svolge in compresenza con il sostegno.

La CGIL ha chiesto all’Amministrazione di attivarsi  quanto prima per mettere il personale della scuola, impegnato nel servizio mensa a sostegno degli alunni con disabilità, nelle condizioni di svolgere con serenità il proprio compito.

In qualche comune viene negato al personale il pasto gratuito se il servizio si svolge in compresenza con il sostegno.

Tale situazione era già puntualmente prevista dal comma 2 dell’art 21 del CCNL Scuola 2007. L’intervento della legge 135 del 7 agosto 2012 al comma 41 dell’articolo 7 ha stabilito un finanziamento ai Comuni in relazione al numero delle classi.

Ora, però, in varie occasioni è stato chiarito che il trasferimento delle risorse ai Comuni non è tarato sulla base del numero del personale ma come “contributo” per classe. Ciò non deve impedire ai Comuni dal farsi carico della presenza dell’assistenza agli alunni con disabilità anche durante il servizio mensa.

L’Amministrazione ha promesso di esaminare la questione per trovare una soluzione.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur