Il Miur a corto di commissari per la correzione delle prove del concorso docenti e di ispettori addetti alla valutazione scolastica

di Lalla
ipsef

red – Uno Stato che non investe nei selezionatori dei docenti e negli ispettori della qualità scolastica è destinato al massimo a tenersi a galla. Lo afferma l’associazione sindacale Anief, in seguito all’articolo in cui si mette in evidenza la difficoltà di reperire commissari per il concorso docenti disposti a lavorare per 500 euro, e la denuncia di Orizzonte Scuola dell’ormai cronica carenza di ispettori addetti alla valutazione scolastica.

red – Uno Stato che non investe nei selezionatori dei docenti e negli ispettori della qualità scolastica è destinato al massimo a tenersi a galla. Lo afferma l’associazione sindacale Anief, in seguito all’articolo in cui si mette in evidenza la difficoltà di reperire commissari per il concorso docenti disposti a lavorare per 500 euro, e la denuncia di Orizzonte Scuola dell’ormai cronica carenza di ispettori addetti alla valutazione scolastica.

Primo problema: il reperimento dei docenti per la costituzione delle commissioni giudicatrici del concorso a cattedra: a tre mesi dall’esecuzione delle prove scritte, le commissioni hanno cambiato spesso configurazione, barcamenandosi tra rinunce, ritardi, difficoltà di vario genere.

Secondo problema: il sistema di valutazione architettato da Profumo, che comprende la collaborazione di INVALSI, INDIRE e Corpo ispettivo, è privo di una gamba. Mancano infatti gli ispettori che dovrebbero far parte di questo corpo ispettivo..

Uno Stato che non investe in queste figure professionali, da cui dipende il destino di un milione di dipendenti tra docenti e Ata, oltre che la formazione di sette milioni di alunni, non può permettersi di svilire certe figure professionali”, sostiene Marcello Pacifico, presidente Anief. “Occorre il prima possibile porre rimedio a tale limite. Altrimenti, non si capisce perché dei commissari, ridotti a lavorare come dei lavoratori dell’Ottocento, malpagati, senza sosta e privati anche del riposo settimanale, debbano decidere di immolarsi per una causa in cui nessuno crede. Ad iniziare proprio dallo Stato”.

Sistema di Valutazione Profumo, manca personale corpo ispettivo. ANP: "bandire nuovo concorso"

Concorso docenti, i commissari spronati allo "spirito di servizio" per trascorrere l’estate a valutare gli aspiranti prof.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione