“Misurazione della febbre a casa? Non va bene”. Consigliera del M5S critica Azzolina

Le parole del ministro dell’Istruzione hanno suscitato reazioni critiche, anche nel suo stesso partito: il Movimento 5 stelle

Gli studenti dovranno misurarsi la febbre a casa prima di andare a scuola.

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha confermato così, in un’intervista a Tv2000, la misura già disposta dal Comitato tecnico-scientifico in vista del ritorno in classe a settembre, ma le parole della ministra dell’Istruzione hanno suscitato reazioni critiche, anche nel suo stesso partito: il Movimento 5 stelle.

Miozzo (CTS): misurazione della febbre, lezioni alle 7, mascherina e test sierologici. Vi dico tutto [INTERVISTA]

Elena Foresti, consigliera comunale M5s a Bologna, nonché maestra di scuola materna, su Facebook critica apertamente l’indicazione del comitato e della ministra.

“Non va bene – dice chiaro e tondo Foresti – i genitori non sono medici. I lavoratori delle scuole non sono medici”.

Foresti si chiede ad esempio “quanti genitori alla mattina riusciranno a misurare la febbre a due o tre figli prima di portarli a scuola e correre al lavoro” e quanti potranno andare a prendere il figlio “in breve tempo” a scuola in seguito a una chiamata per febbre.

“E nel frattempo come si deve organizzare la scuola? Da sola? Senza supporto della pediatria territoriale o Asl? – critica ancora la pentastellata – e se un bimbo a scuola ha 38 di febbre e il giorno dopo viene riportato perché inspiegabilmente sparita? La scuola e le famiglie come possono essere caricate di queste responsabilità?”.

Piuttosto, sostiene Foresti, “deve esserci un aiuto concreto in supporto alle scuole nei primi mesi di riapertura, con personale addetto alla misurazione della temperatura di tutti e una presenza fisica di personale sanitarie referente in ogni realtà per poter gestire al meglio eventuali necessità”.

TFA Sostegno V ciclo. Affidati ad Eurosofia, materiali didattici sintetici, simulatori delle prove ed un metodo incisivo. Allenati per vincere