COVID e ritorno a scuola: “Misurare febbre non fa trovare infezione”, a dirlo Luca Richeldi

Luca Richeldi è direttore di Pneumologia al Policlinico Gemelli di Roma e membro del Comitato tecnico-scientifico. Durante un intervento a “In Onda su La7” è intervenuto sull’apertura delle scuole e sul tema relativo della misurazione della temperatura agli studenti. Infatti, ricordiamo che i genitori dovranno verificare la temperatura dei figli a casa, prima dell’ingresso a scuola.

“La misura della temperatura corporea non è un metodo molto preciso per indicare l’infezione da Sars-Cov 2”. Così Luca Richeldi

“Io ho sempre verificato se i miei figli avessero la febbre prima di andare a scuola. Mi sembra un eccesso dire che dobbiamo usare un unico termometro. L’indicazione è stata dare questa ‘responsabilità’ alle famiglie, è una responsabilità genitoriale. Serve buon senso, è importante garantire il distanziamento. I bambini si svegliano a casa, il bambino che ha la febbre viene identificato per primo dai genitori”, ha concluso Richeldi.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Affidati ad Eurosofia per acquisire le competenze richieste