Miozzo ribadisce: “La scuola non è un focolaio. Il problema è prima e dopo le lezioni”

Stampa

Il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, Agostino Miozzo, su Il Foglio, ribadisce che la scuola non è focolaio epidemico e si scaglia, senza mezzi termini contro chi “fa cattiva informazione”.

Miozzo scrive: “Leggo articoli di stampa orrendi che informano di numeri improbabili di contatti di Covid avvenuti all’interno della scuola (ultimo in ordine di superficialità nell’informazione è un articolo pubblicato da Wired). Numeri che hanno alcuna referenza né validazione scientifica, ma che alimentano la paura e la percezione della scuola come focolaio epidemico”.

Poi aggiunge: “I dati veri elaborati dall’ISS e validati da studi internazionali dicono che le aggregazioni di persone generano problemi di contagio, ma le aggregazioni a rischio per i giovani sono più frequenti prima e dopo il momento scolastico”.

Covid scuola, quasi 65mila casi al 31 ottobre: i dati ufficiali svelati da Wired [VIDEO]

Dati COVID scuola nascosti, il Ministero dell’Istruzione si difende: “Nessun dato sui contagi è stato nascosto”

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio