Miozzo: “Ho la posta intasata di messaggi di genitori in difficoltà. Tornare in classe è un imperativo”

Stampa

”Ho la posta elettronica invasa da messaggi di genitori che mi raccontano le difficoltà e i drammi dei loro figli. Non ci rendiamo conto che la nostra incapacità di trovare  soluzioni al problema della scuola sta aiutando a costruire una generazione di ragazzi fragili ed insicuri”.

Così, sul problema delle scuole chiuse a causa dell’emergenza Covid, Agostino Miozzo, che, in un’intervista con la Stampa, precisa che ”sul ritorno a scuola non  esprimo un pensiero personale ma quello del coordinatore del Cts che  riflette il pensiero di tutti i colleghi del comitato e della comunità scientifica internazionale. Il diritto alla scuola dovrebbe essere un imperativo nel nostro Paese ma constatiamo ancora ritardi  nell’organizzazione dei trasporti, nello scaglionamento degli orari  piuttosto che nelle verifiche sanitarie”.

“Noi del Cts – prosegue il coordinatore del Comitato tecnico  scientifico – abbiamo iniziato a mettere a verbale questi suggerimenti a fine aprile per dare una risposta alle necessità della scuola. Se dipendesse da me avrei riaperto le scuole da tempo, e oggi non posso che essere solidale con i ragazzi, fanno bene a protestare. Vorrei  poter scendere anch’io in piazza con loro, convinto come sono che la didattica a distanza sia un eccellente strumento pedagogico, molto  utile in situazioni di emergenza, ma non può essere l’escamotage, la scorciatoia alla nostra evidente incapacità di riorganizzare un  percorso scolastico tradizionale compatibile con l’epidemia in corso”.

Stampa

Aggiornamento Ata: Puoi migliorare il tuo punteggio in tempi rapidi: corso di dattilografia a soli 99 euro. Contatta Eurosofia