Miozzo (CTS): “La riapertura delle scuole ha un minor rischio che lasciarli in giro nei centri commericali”

Stampa

La scuola è nuovamente al centro dell’attenzione politica. La notizia della volontà della ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, di spingere per un ritorno progressivo in classe è cosa ormai nota. 

A Radio 24 interviene il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, Agostino Miozzo: “Aprire adesso gli impianti sciistici è un po’ azzardato, dovrebbe comunque essere un’operazione coordinata con l’Europa”.

Sulla scuola, invece, “considerando i dati riteniamo che l’apertura delle scuole non sia a rischio zero, ma sicuramente minore di lasciare i ragazzi in giro nei centri commerciali, bisogna far ritornare i ragazzi a scuola in un contesto sicuro”.

Sul Natale: “Continuiamo a ribadire che il virus rende incompatibili le relazioni sociali che sono pericolose soprattutto per i più fragili, il Natale quest’anno dovrà essere intimo come un giorno ordinario”.

Sulle sanzioni: “Vediamo comportamenti virtuosi dalla maggior parte degli italiani poi ci sono i soliti cretini che se ne fregano e questi vanno sanzionati”.

Infine sul tracciamento: “Con 30mila casi al giorno è difficile, vanno rafforzate le risorse umane, se si riducono i contagi tornerà a funzionare”.

Scuole riaperte il 9 dicembre? Galli avverte: “Sarebbe un vero boomerang”

Riapertura scuole, il Governo punta alla data del 9 dicembre

Stampa

Aggiornamento Ata: Puoi migliorare il tuo punteggio in tempi rapidi: corso di dattilografia a soli 99 euro. Contatta Eurosofia