Minoranze linguistiche, bando Miur apprendimento lingua materna. Progetti entro il 9 giugno

WhatsApp
Telegram

Il Miur ha pubblicato un bando avente per oggetto “Piano di interventi e di finanziamenti per la realizzazione di progetti nazionali e locali nel campo dello studio delle lingue e delle tradizioni culturali appartenenti ad una minoranza linguistica (Legge 15 dicembre 1999, n. 482 art. 5) – Esercizio finanziario 2017.”

Obiettivo del bando è quello di valorizzare l’insieme di lingue che caratterizza il territorio nazionale, in modo da garantire il diritto degli appartenenti alle minoranze linguistiche ad apprendere la propria lingua materna.

L’Amministrazione, pertanto, invita le scuole, facenti parte di ambiti territoriali e subcomunali delimitati, in cui si applicano le disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche, a presentare in rete proposte progettuali, coinvolgendo anche scuole paritarie, per il biennio 2017/2019.

Nel bando viene precisato che le scuole bilingui italiano-sloveno o con lingua d’insegnamento sloveno istituite ai sensi della Legge n. 38/2001 (nelle quali lo sloveno è lingua curricolare) possono partecipare alle suddette reti di scuole con uno scambio di docenti ma non possono beneficiare del presente finanziamento al fine di compensare docenti e/o esperti esterni che insegnino la lingua slovena.

Queste le caratteristiche delle proposte progettuali da presentare:

  • cooperazione in rete;
  • continuità, per cui la proposta progettuale dovrà presentare un’articolazione biennale e dovrà essere realizzata nell’arco dei due anni scolastici 2017/2018 – 2018/2019;
  • osservanza dei termini e delle modalità.

Non saranno ammesse al finanziamento le scuole/reti che hanno beneficiato dell’erogazione dei finanziamenti nel biennio 2016 – 2018.

Nel bando vengono riportati i criteri di valutazione dei progetti con la specificazione del punteggio massimo attribuibile per ciascuno di essi.

Le reti partecipanti dovranno inviare le proposte progettuali al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la valutazione del sistema nazionale d’istruzione, V.le Trastevere 76/A – 00153 Roma, entro e non oltre il 9 giugno 2017.

Nel bando vengono, infine, riportati gli elementi fondamentali dei progetti, in assenza dei quali le proposte non verranno prese in considerazione:

a. progetto in originale, redatto in lingua italiana e in lingua minoritaria;

b. scheda-formulario, allegata alla presente lettera circolare, debitamente compilata in tutte le sue sezioni, da inviare al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected];

c. scheda sintetica (in formato excel) formata da tre sezioni: anagrafica, coordinate bancarie, progetto allegata alla presente lettera circolare, da compilare in tutte le sue parti (una scheda per ogni progetto presentato) e inviare all’indirizzo di posta elettronica sopra citato;

d. accordo di rete formale con non meno di altre due Istituzioni Scolastiche statali (o dipendenti dalle regioni e province autonome) o paritarie;

e. dichiarazione dell’Istituzione scolastica capofila con la quale si attesta, per ciascuna scuola aderente alla rete, l’ambito territoriale e subcomunale in cui si applicano le disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche (all’art. 3 comma 1 della precitata Legge n. 482/99). In caso di dubbio ci si riserva di chiedere, ad integrazione della domanda, relativa copia della Delibera del Consiglio Provinciale.

L’invio tramite mail riguarda solo le summenzionate schede, mentre qualsiasi altra documentazione (progetto o delibera o accordo di rete) dovrà pervenire tramite servizio postale all’indirizzo suindicato.

Scarica il bando e gli allegati

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur