Ministro Giannini: “scuole scelgano propri insegnanti”, no a concorsoni. Su precariato, introdurre “sistemi per non rigenerarlo”. Riformare le scuole medie

di redazione
ipsef

red – Il nuovo Ministro ha, evidentemente, scelto le testate giornalistiche per presentare il suo programma. Questa è la volta del "Corriere della Sera" al quale ha dettato alcune riforme, anche sostanziali. "Ho tante idee – ha detto – e buona volontà". E rilancia i libri cartacei. FLCGIL, chiamata diretta: "Colossale sciocchezza".

red – Il nuovo Ministro ha, evidentemente, scelto le testate giornalistiche per presentare il suo programma. Questa è la volta del "Corriere della Sera" al quale ha dettato alcune riforme, anche sostanziali. "Ho tante idee – ha detto – e buona volontà". E rilancia i libri cartacei. FLCGIL, chiamata diretta: "Colossale sciocchezza".

Chiamata diretta dei docenti

Un’idea che vuole fondere con il sistema di valutazione delle scuole. In sostanza, il Ministro vorrebbe che le scuole assumessero liberamente i docenti, "chi credono", ma dovranno rendere conto dell’operato, attraverso una valutazione. "Dobbiamo trovare gli strumenti giusti per attuarlo", ha detto.

Seguici anche su FaceBook News in tempo reale

Riforma cicli scolastici

Punta il dito contro le scuole medie, individuate come anello debole della catena formativa. "Penso – ha detto – che abbiamo tre cicli di scuola, due funzionano molto bene, uno, quello intermedio, molto meno. La scuola media inferiore è quella che ha bisogno di maggiore attenzione"

Sul precariato e la possibile condanna da parte dell’UE sull’abuso dei contratti a termine

Questione nodale, che forse le stanze del potere non hanno ancora inquadrato nella sua interezza, e riguarda la possibile condanna dello Stato italiano, con richiesta di assunzione dei docenti precari. Situazione che la Giannini afferma di conoscere bene e di avere amici cinquantenni in attesa di abilitazione. "Ma si può curare il male antico – afferma – introducendo sistemi per non rigenerarlo".

Sugli e-book

Un leggero passo indietro, rispetto alla direzione dei precedenti governi: "Ho l’idea che se spariscono i libri non va bene, deve esserci anche un contatto con la dimensione cartacea della cultura".

Ministro Giannini: sì a superiori 4 anni. Più soldi a chi si impegna, chi si aggiorna, chi studia. Ma priorità per nostri utenti sono immissioni in ruolo

Gilda, scatti stipendiali: "Ministro parla di realtà che non conosce". UIL: "Ok svuotare graduatorie in 4 anni, superare distinzione organico fatto e diritto". FLCGIL, chiamata diretta: "Colossale sciocchezza".

Versione stampabile
anief
soloformazione