Ministro, ci dia banca dati concorso straordinario ai soli fini abilitanti. Lettera

Stampa
ex

Inviato da Carlo Medina – Egr. Ministro, dalle ultime indiscrezioni sembrerebbe che per il concorso straordinario dovrebbero uscire due bandi (per chi ha svolto servizio negli istituti statali e un altro per i “paritari”).

Precisando che la meritocrazia che Lei ricerca non può essere trovata nel sistema concorsuale adottato (supera il concorso chi ha più tempo per memorizzare concetti e chi è più “fortunato” nelle risposte e non i meritevoli), con la soluzione attualmente prospettata si crea una grossa disparità di trattamento. Chi ha svolto servizio nelle paritarie (o con servizio misto come per il sottoscritto), concorre ai soli fini dell’abilitazione, ma deve affrontare le stesse prove (con le stesse difficoltà) di chi, invece, concorre per il ruolo!

Il programma è quello del concorso ordinario, troppo vasto da poter contenere in poche domande a risposta multipla ed individuare i “meritevoli”.
E’, dunque, necessario, per il concorso straordinario dei “paritari e misti” adottare un “correttore” che possa mettere tutti i concorrenti sullo stesso piano.

La Banca dati, in questo caso, è garanzia di trasparenza e democrazia.
Diversamente i soliti fortunati avranno la possibilità di avanzare, in barba al tanto decantato “merito”.
La saluto

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur