Il ministro Carrozza ha firmato il decreto di nomina del Comitato di esperti per la scelta del nuovo presidente dell’Invalsi

di Giulia Boffa
ipsef

MIUR – Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza, ha firmato il decreto di nomina del Comitato di esperti che dovrà selezionare una rosa di nomi per la presidenza dell’Invalsi, Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione, vacante dal prossimo 4 dicembre. Sarà poi lo stesso ministro a nominare il nuovo presidente.

MIUR – Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza, ha firmato il decreto di nomina del Comitato di esperti che dovrà selezionare una rosa di nomi per la presidenza dell’Invalsi, Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione, vacante dal prossimo 4 dicembre. Sarà poi lo stesso ministro a nominare il nuovo presidente.

Il comitato scelto da Carrozza  è presieduto da Tullio De Mauro, ex ministro dell’Istruzione e professore emerito nella Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università Sapienza di Roma.

Ne fanno parte, poi, Benedetto Vertecchi, professore di Pedagogia sperimentale presso l’Università degli Studi Roma Tre; Clotilde Pontecorvo, professore emerito di Psicologia dell’educazione dell’Università Sapienza di Roma; Cristina Lavinio, professore ordinario di Didattica delle Lingue moderne dell’Università di Cagliari; Giorgio Israel, professore ordinario di Storia della matematica dell’Università Sapienza di Roma.

Entro 15 giorni dalla nomina il Comitato fisserà, attraverso un Avviso pubblico, tempo e modi per la presentazione delle candidature. A tutti i candidati sarà chiesta la presentazione di un sintetico elaborato che illustri le loro strategie in materia di valutazione. E’ la prima volta che viene chiesto questo tipo di elaborato. Dopo aver valutato le candidature, il Comitato presenterà una rosa di nomi al Ministro per la nomina del Presidente.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione