Ministro Azzolina contro il bullismo: piaga da abbattere con aiuto famiglie

di redazione

item-thumbnail

“Bullismo e cyberbullismo sono vere e proprie piaghe che vanno contrastate mettendo in campo ogni possibile alleanza con le scuole, le famiglie, le associazioni, le istituzioni che si occupano di questi temi.

Solo facendo squadra, come adulti, potremo davvero fare la nostra parte. Ma non basta: dobbiamo anche dare il buon esempio. Spesso sono i più grandi ad essere, ad esempio, i primi utilizzatori del linguaggio dell’odio”.

Lo sottolinea la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che domani interverrà anche a Napoli, presso il Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa, a ‘Together for a Better Internet’, nell’ambito della sedicesima edizione della Giornata per la navigazione sicura in Rete (Safer Internet day 2020).

“Nella lotta al cyberbullismo si sono fatti passi avanti grazie alla legge 71 del 2017”, ricorda Azzolina. “In questo momento in Parlamento c’è un ulteriore provvedimento per migliorare ancora di più l’azione di contrasto. Inseriremo – aggiunge la ministra dell’Istruzione – la Media Education nell’Educazione civica, affinché la scuola possa guidare i nostri ragazzi ad un uso positivo dei social media e della Rete. Bisogna far capire loro che isolare un compagno, aggredirlo verbalmente o anche fisicamente, farlo sentire sbagliato, diverso, umiliarlo non sono semplici bravate. Le loro azioni possono avere conseguenze anche gravi e devono esserne consapevoli”.

Versione stampabile
soloformazione