Ministra riconosca punteggio a supplenti, abbiamo lavorato anche noi in emergenza sanitaria. Lettera

Stampa
ex

Inviata da Maria Elena Marcenó – Noi supplenti attendiamo con ansia di sapere se la Ministra ci “lascerà indietro”. Noi non facciamo i docenti, noi SIAMO docenti e meritiamo un po’ più di considerazione.

Il riconoscimento del punteggio (anche al 50%) non ce lo possono negare, abbiamo lavorato pure noi in emergenza sanitaria ad alta virulenza Covid. Non abbiamo più avuto proroghe di supplenze ne ci hanno convocato dopo la data del fermo scolastico in presenza .

Il nostro anno scolastico non può finire a Marzo… non sarebbe giustizia questa e lederebbe ancor di più la nostra dignità professionale. Questa missiva dovrebbe arrivare a tutte le fazioni politiche e alle sigle sindacali che tanto parlano di precariato e di risoluzione dello stesso.

Stampa

L’Eco Digitale di Eurosofia, il 14 dicembre segui la Tavola rotonda:“Didattica a distanza e classe capovolta – Ambienti di apprendimento innovativi”