“M’illumino d’Erasmus”, Indire: comuni italiani hanno celebrato i 30 anni del Programma

WhatsApp
Telegram

comunicato Indire – Ieri, in occasione della Festa dell’Europa, oltre 100 comuni italiani hanno illuminato il loro monumento simbolo con il logo di Erasmus+ e di blu (il Programma europeo per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport) per celebrare i 30 anni del noto Programma Erasmus.

L’iniziativa “M’illumino d’Erasmus”, promossa dall’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire, dall’Agenzia Nazionale per i Giovani e dell’Agenzia Nazionale Erasmus+ INAPP, è nata con lo scopo di dare maggior diffusione e visibilità al Programma europeo coinvolgendo attivamente i territori nella promozione delle opportunità che l’Europa offre ai cittadini e contribuire quindi a formare coscienza e cittadinanza europea.

“L’obiettivo dell’iniziativa è stato quello di coinvolgere tutti i territori, dalla più grande città ai più piccoli dei comuni, nelle celebrazioni dei 30 anni di Erasmus: un programma che ha subito negli anni importanti evoluzioni che hanno portato anche alla nascita di strumenti inclusivi e rivolti ai giovani con minori opportunità, come il Servizio Volontario Europeo. Sono infatti oltre 100 mila i giovani che negli anni sono stati coinvolti in attività di scambi o volontariato favorendo così una crescita inclusiva e partecipata dell’Europa”. Dichiara Giacomo D’Arrigo, direttore generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani.

“Siamo particolarmente soddisfatti dell’interesse che ha suscitato l’iniziativa M’illumino d’Erasmus da parte di città grandi e piccole, che la sera della Festa dell’Europa hanno tinto di blu i loro monumenti simbolo. La risposta dei Comuni è andata ben oltre le nostre aspettative, a riprova di quanto il Programma Erasmus+ sia molto amato”, dichiara Sara Pagliai, coordinatrice dell’Agenzia nazionale Erasmus+ Indire.

La galleria delle immagini è disponibile nella pagina dedicata all’evento.

L’elenco dei Comuni aderenti è disponibile su erasmusplus.it

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti