Milleproroghe su edilizia scolastica: proroga al 31 dicembre 2020 termine pagamenti dei lavori di sicurezza

Nel decreto Milleproroghe 2020 approvato alla Camera con la fiducia (315 voti a favore, 221 contrari ed un astenuto), alcuni interventi sull’edilizia scolastica.

In particolare:

  • si proroga (dal 31 dicembre 2019) al 31 dicembre 2020 il termine per i pagamenti da parte degli enti locali, secondo stati di avanzamento debitamente certificati, dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza degli istituti scolastici statali, di cui all’art. 18, commi da 8-ter a 8-sexies, del D.L. 69/2013 (L. 98/2013) (art. 6, co. 4);
  • si differisce (dal 31 dicembre 2018) al 31 dicembre 2021 il termine entro il quale deve essere sottoposto a verifica di vulnerabilità sismica ogni immobile adibito ad uso scolastico situato nelle zone a rischio sismico classificate 1 e 2, con priorità per quelli situati nei comuni compresi negli allegati del D.L. 189/2016 (L. 229/2016), relativo alle regioni del centro Italia colpite dagli eventi sismici 2016 e 2017 (Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria) (art. 6, co. 5-novies);
  • si differisce al 31 dicembre 2021 il termine fino al quale gli interventi di riparazione e ricostruzione, per il ripristino della funzionalità degli immobili adibiti ad uso scolastico e universitario nei territori colpiti dal sisma del 6 aprile 2009, possono essere attuati, entro i limiti della soglia di rilevanza europea, applicando per l’affidamento di lavori, servizi e forniture le procedure negoziate senza previa pubblicazione del bando di gara (art. 15, co. 5-bis).

Qui tutte le novità del Milleproroghe riguardanti la scuola.

Didattica a distanza, 9 corsi con iscrizione e fruizione contenuti gratuite