Mida Precari chiede al Ministro revoca sospensione Prof.ssa Rosa Maria dell’Aria

Stampa

comunicato – Il Mida Precari. da sempre fedele ai principi costituzionali, è solidale con la collega Rosa Maria dell’Aria, sospesa dall’insegnamento a seguito di un provvedimento disciplinare dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Palermo.

Gli insegnanti sono responsabili del comportamento in classe degli alunni e dei loro elaborati, ma non possono e non devono censurarne le idee.

L’art.21 della nostra Costituzione recita: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili. […]”

Questi ragazzi hanno espresso il loro libero pensiero, peraltro esaminando le slide non v’è traccia di un mancato rispetto nei confronti del Ministro dell’Interno. ma una personale esposizione dei fatti storici uniti all’attualità.

La professoressa avrebbe dovuto censurare il loro senso critico? Avrebbe dovuto sanzionarli? Assolutamente no, Gli studenti non sono vasi da riempire, ma fuochi da accendere, impensabile usare un estintore.

Il Mida Precari chiede al Ministro Bussetti che il provvedimento venga revocato al più presto e che la professoressa torni al suo posto.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia