Mida. III fascia graduatorie di istituto nel limbo, garantire abilitazione a docenti con tre anni di servizio

di redazione
ipsef

MIDA – I docenti della terza fascia delle graduatorie di istituto versano in una situazione decisamente paradossale e drammatica, in una sorto di limbo, assolutamente e drasticamente invisibile all’intera classe politica e istituzionale.

Tantissime le convocazioni ricevute quest’anno per tappare le falle di un sistema, quello scolastico, che fa acqua da tutte le parti e che non ha arginato e risolto minimamente tema scottante e discusso del precariato e che persevera diabolicamente , ignobilmente e miserevolmente, a sfruttare questi docenti, senza provvedere a munirli del doveroso riconoscimento sociale e professionale.

Docenti che hanno tre, cinque, dieci anni di esperienza alle spalle, spesso con famiglie a carico, che hanno tanti obblighi, doveri, esattamente come i colleghi di ruolo, ma nessun diritto garantito.

Docenti che rappresentano la linfa vitale, l’ossatura della scuola, senza i quali, le istituzioni scolastiche non avrebbero potuto garantire il regolare svolgimento dell’attività didattica.

Docenti, senza il cui supporto, si sarebbe avuta come diretta e grave conseguenza , lo scompenso e l’instabilità instabilità con i vari attori scolastici ( dirigenti, studenti, famiglie).

Ergo, risulta evidente a tutti che non si può perdere altro tempo. Il tempo è danaro e ne è stato sprecato già troppo. La classe politica dirigenziale, ora, con la necessaria dose di lucidità e buon senso che dovrebbero contraddistinguere chi si appresta a governare una Nazione, di cui la scuola rappresenta, insieme alla famiglia, la cellula fondante, ebbene, deve porsi come obiettivo prioritario quello di garantire il conseguimento dell’abilitazione cioè il passaggio alla seconda fascia.

Tra le altre cose, questa richiesta è corroborata e ampiamente supportata dalla normativa europea, la famosa direttiva europea ( 36/2005) che riconosce il diritto all’abilitazione a tutti quei docenti che hanno maturato tre anni di esperienza (180 per tre). Non si possono tenere confinati professionisti in delle graduatorie senza possibilità di carriera. Ai colleghi di seconda fascia va ricordato di quando erano loro a volersi abilitare. Adesso serve coscienza, adesso serve unione.

Coordinamento MIDA PRECAR

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione