Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Metodo Montessori alla conquista della scuola media. Apprendimento per scoperta e autonomia: ecco cosa è previsto

WhatsApp
Telegram

Il metodo Montessori, un approccio pedagogico centrato sulla naturale curiosità e sull’indipendenza del bambino, potrebbe presto espandersi in Italia. Il disegno di legge Valditara Ddl 924bis recante la “Revisione della disciplina in materia di valutazione del comportamento delle studentesse e degli studenti”, approvato dal Senato e in attesa di approvazione alla Camera, prevede infatti l’estensione di questo metodo a tutto il primo ciclo di istruzione, fino alle scuole medie.

Cos’è il metodo Montessori

Sviluppato da Maria Montessori a fine ‘800, il metodo, oggi praticato in circa 65mila scuole in 145 paesi del mondo, si basa sull’idea che il bambino impari meglio attraverso l’esperienza e l’esplorazione autonoma. L’ambiente di apprendimento è quindi fondamentale: deve essere preparato con cura, ricco di materiali stimolanti e “a misura di bambino”, per incoraggiare l’interazione e la scoperta.

Principi chiave

  • Classi di età mista: favoriscono la socializzazione e l’apprendimento tra pari.
  • Libertà di scelta: gli studenti scelgono autonomamente le attività, all’interno di opzioni definite dall’insegnante.
  • Blocchi orari ininterrotti: per sviluppare attenzione e concentrazione.
  • Ambiente didattico “a misura di bambino”: per favorire l’interazione libera e spontanea.
  • Materiale didattico autocorrettivo: per un apprendimento basato sulla scoperta e l’autovalutazione.

I benefici del metodo Montessori

Tale approccio favorisce lo sviluppo di diverse competenze, non solo cognitive:

  • Pensiero critico
  • Collaborazione
  • Risoluzione dei conflitti
  • Pianificazione
  • Empatia
  • Autostima
  • Consapevolezza
  • Intelligenza emotiva

L’estensione del metodo: sperimentazione e futuro

Se il disegno di legge verrà approvato, l’estensione del metodo Montessori sarà regolata da un decreto del Ministero dell’Istruzione e del Merito. Si tratterà di una fase di sperimentazione, che potrebbe portare all’integrazione di questo approccio nella scuola pubblica.

L’avvio sarebbe previsto dal 2025/26 e la presenza di docenti specializzati in differenziazione didattica nel metodo Montessori a seguito della frequenza di corsi di specializzazione di cui all’articolo 142, comma 5 del d.lgs. n. 297 del 1994. Il numero dei docenti sarà reperito nei limiti dei contingenti regionali di organico annualmente assegnati agli uffici scolastici territorialmente competenti, nell’ambito dell’organico dell’autonomia.

È inoltre previsto che le sezioni che abbiano avviato la sperimentazione con il decreto del Ministro dell’istruzione n. 237 del 30 luglio 2021 completino la fase sperimentale e sono disciplinate a regime. La predetta sperimentazione si intende autorizzata anche per l’anno scolastico 2024/2025.

Ai docenti di scuola secondaria di primo grado che abbiano già concluso i percorsi di formazione sul metodo Montessori di cui all’articolo 5 del decreto del Ministro dell’istruzione n. 237 del 30 luglio 2021, a seguito del superamento di specifico esame, è riconosciuto il titolo di specializzazione in differenziazione didattica nel metodo Montessori.

DISEGNO DI LEGGE

LINEE GUIDA

RELAZIONE TECNICA

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€