Metodi e tecniche di insegnamento, etica della comunicazione. Corso con iscrizione e fruizione gratuite

Stampa

Organizzato e certificato da SO.GE.S, ente accreditato al Miur (Società del gruppo Orizzonte Scuola), in collaborazione con Orizzonte Scuola Formazione. L’iscrizione e la fruizione del corso sono gratuite. Al termine delle video lezioni, dopo aver superato il test di apprendimento, è possibile richiedere la certificazione riconosciuta dal MIUR valida per il riconoscimento dell’aggiornamento dei docenti (come da direttiva ministeriale 170/2016), al prezzo di 79 euro.

Il corso consente di acquisire quelle competenze necessarie per comprendere le dinamiche che sottendono alla comunicazione etica. L’etica della comunicazione rappresenta la risposta laica ai bisogni della società contemporanea, consapevole di dover ricercare in se stessa soluzioni condivise a problemi comuni, nello spirito di una civile convivenza. Imprescindibile presupposto è la sussistenza di una rete sociale costituita da cittadini liberi di determinare le proprie scelte e responsabili dei propri atti. Libertà e responsabilità sono infatti concetti cardine nell’ottica di una comunicazione fondata sul dialogo e dunque eticamente orientata; costituiscono i fondamenti e definiscono le condizioni per un confronto autentico, improntato alla veridicità e al reciproco ascolto, in cui gli interlocutori argomentino le soggettive convinzioni senza strumentalità né volontà di imporre il proprio punto di vista; pronti, al contrario, a riconsiderare il personale assunto in ragione di quanto acclarato nell’ambito discorsivo.

L’etica nella comunicazione si esercita laddove si definisce uno spazio pubblico di confronto in cui ciascun dialogante possa manifestare liberamente le proprie tesi, valutandone altresì responsabilmente le prevedibili implicazioni.

Proprio l’esercizio del libero arbitrio è garanzia che i convincimenti individuali – che orientano le scelte e danno impulso all’azione – siano autonomamente ponderati e non eteronoma mente imposti; e proprio tale presupposto costituisce condizione di imputabilità, requisito sulla base del quale ciascuno può lecitamente essere chiamato a rispondere della propria condotta.

Responsabilità, d’altra parte, significa cosciente e matura assunzione in carico di ciò che consegue alle proprie autonome e incondizionate (in quanto libere) scelte.
Libertà e responsabilità sono, dunque, condizioni imprescindibili per un’interlocuzione propriamente etica.

Vai alla descrizione completa

Stampa