Messa a disposizione: un’occasione da non perdere per entrare nel mondo della scuola

di redazione

item-thumbnail

PubbliRedazionale VoglioInsegnare.it – Mancano pochi giorni all’inizio del nuovo anno scolastico: in molte scuole infatti le lezioni ricominceranno intorno al 12 settembre.

Proprio in questi giorni gli istituti scolastici stanno cercando nuovo personale, sia tra gli insegnanti che tra il personale amministrativo, tecnico o ausiliario (ATA). È quindi questo il periodo ideale per inviare la messa a disposizione (MAD), ovvero la propria disponibilità a ruoli di supplenza, per chi non è iscritto nelle graduatorie. Chi invece è già iscritto, con la MAD può aumentare le sue possibilità di essere contattato. La messa a disposizione è valida anche per chi vuole lavorare come personale ATA.

Perché conviene inviare la messa a disposizione?

La messa a disposizione consente di incrementare notevolmente le possibilità di essere contattati da parte degli istituti scolastici per insegnare o svolgere servizio come personale ATA. Il servizio di invio della domanda di messa a disposizione consente, grazie ad una procedura guidata, la compilazione della domanda e l’invio della stessa a tutte le scuole di una o più province. Il costo per la redazione della domanda e l’invio a tutte le scuole di una provincia è di 19 euro ed è possibile inviare la domanda a più province contemporaneamente.

È preferibile inviare la MAD con e-mail ordinaria o PEC?

E’ preferibile l’invio con posta ordinaria, in quanto le caselle PEC vengono utilizzate dalle scuole soprattutto per comunicazioni ufficiali. Nel caso si abbia a disposizione una casella PEC, con voglioinsegnare.it è comunque possibile effettuare l’invio con Posta Elettronica Certificata (PEC) – a seguito di un invio di posta ordinaria – in modo totalmente gratuito.

Dove è più conveniente inviare la MAD per avere più possibilità di lavoro?

Il maggior numero di cattedre vacanti, dove quindi si ha più probabilità di ottenere una supplenza, è situato a Nord. La disponibilità più ampia è in Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Friuli Venezia-Giulia, Emilia-Romagna. In base ai dati statistici di voglioinsegnare.it, raccolti in oltre un anno e mezzo di attività e invii di messe a disposizione, si può constatare che Milano, Roma e Napoli sono le tre province più gettonate dagli aspiranti supplenti; seguono Torino, Bologna e Palermo. Tra le meno richieste, invece, troviamo Caserta, Catania e Brescia.

Ci sono tuttavia alcune classi di concorso, come la A-28 per l’insegnamento di matematica e scienze alle scuole medie, che sono più richieste nelle province del Sud, insieme a Lettere e Filosofia, altra cattedra molto richiesta. Per l’elenco esaustivo di tutte le classi di concorso con le relative lauree necessarie per accedervi, è possibile consultare il sito www.classidiconcorso.it

L’invio della messa a disposizione può essere effettuato in tutte le scuole?

Sì, può essere inviato nella maggior parte degli istituti scolastici anche se qualche scuola non accetta l’invio automatico della messa a disposizione, ma richiede una procedura specifica come la compilazione di form on-line o l’invio di curriculum. Perciò voglioinsegnare.it ha redatto un elenco di tali scuole scaricabile QUI per inviare la messa a disposizione in modo autonomo.

Per ulteriori informazioni sulla messa a disposizione, voglioinsegnare.it ha creato la guida completamente gratuita per l’anno 2017/2018 che include tutte le domande più frequenti inerenti alla messa a disposizione, scritta sulla base dei principali dubbi e richieste degli utenti.

La guida gratuita completa è scaricabile QUI

Leggi le recensioni dei nostri utenti 

INVIA SUBITO LA TUA CANDIDATURA

Per informazioni contatta la segreteria didattica allo 02 40031245

oppure il servizio orientamento via WhatsApp al n. 328 6517744

Diventa insegnante con noi ! iscriviti alla nostra pagina facebook -> CLICCA QUI

Versione stampabile
Argomenti: