Messa a disposizione: cattedre libere per pensionamenti e mobilità, invia la mad online con Voglioinsegnare.it

di os_admin

item-thumbnail

Messaggio sponsorizzato – Il primo periodo di questo 2019 è molto indicato per inviare la messa a disposizione perché, tra pensionamenti e mobilità, si andranno a liberare migliaia di posti tra insegnanti e personale Ata.

I pensionamenti scuola del 2019

I docenti e personale Ata che hanno presentato domanda su Istanze Online per il pensionamento sono numerosi:

– 15.190 docenti

– 4448 Ata

A questi numeri andranno aggiunti quelli derivanti delle pensioni attribuite d’ufficio, pertanto le cifre saranno molto più ampie, considerato anche l’approvazione della famosa quota 100.

Ci sono poi casi particolari come Salerno e provincia dove, come riportato dal Mattino.it, andranno in pensione oltre 1200 lavoratori della scuola: “dal prossimo primo settembre è infatti previsto il pensionamento di almeno milleduecento tra docenti salernitani e personale Ata. Si aprono perciò spiragli occupazionali per i precari che da anni lavorano da supplenti”.

Concorso Scuola 2019

In aggiunta al fatto che il bando per docenti 2019 deve ancora uscire, e in ogni caso non produrrà docenti abilitati prima del 2020, saranno ancora tantissimi gli aspiranti docenti convocati tramite la domanda di messa a disposizione.

Inoltre, con le domande di mobilità e trasferimento si andranno a liberare ancora ulteriori posti di lavoro. Per questo motivo, è importante inviare per tempo la propria domanda di messa a disposizione.

Invio della domanda di messa a disposizione con Voglioinsegnare.it

È possibile inviare la messa a disposizione in autonomia con Voglioinsegnare.it: è sufficiente compilare il form con i propri dati personali, titoli di studio e classe di concorso, scegliere la provincia e ordine di scuola dove si vuole inviare la mad (al costo di 19 euro) e in pochi minuti la propria domanda sarà arrivata a centinaia di scuole italiane.

Le scuole che cercano docenti su Supplenti.it

Per massimizzare l’efficacia dell’invio e risparmiare una notevole quantità di tempo, è anche possibile iscriversi a Supplenti.it, la prima piattaforma online dove sono le scuole a ricercare nominativi di docenti disponibili su un database online in cui gli aspiranti insegnanti sono registrati e catalogati per classe di concorso, titolo di studio, provincia d’interesse ed ordine di scuola.

Supplenti.it nasce da due anni di esperienza nel settore del reclutamento docenti con Voglioinsegnare.it, per questo motivo è in grado di offrire assistenza, supporto e orientamento in modo ottimale ad ogni aspirante insegnante.

Quali sono le differenze tra le due piattaforme? Quale posso utilizzare?

  • Voglioinsegnare.it permette un invio massivo della messa a disposizione, quindi è possibile ottenere un grande risparmio di tempo e denaro e massimizzare la divulgazione del proprio curriculum a un numero altissimo di scuole;
  • Supplenti.it permette il meccanismo inverso, ovvero sono le scuole a cercare i docenti in base alle necessità. In particolare, molte scuole di Torino, Verona, Milano e Napoli hanno finora usufruito del servizio di Supplenti.it per ricercare personale, pertanto la selezione è molto specifica e personalizzata in base alle esigenze delle scuole.

Il secondo vantaggio è un’assistenza completa agli aspiranti docenti: dalla compilazione della domanda di seconda e terza fascia, a dubbi su orientamento e classi di concorso, fino alla consulenza previdenziale.

Utilizzare entrambe le piattaforme è l’ideale per aumentare le possibilità di trovare lavoro, in modo da essere già presenti sia con la messa a disposizione per le scuole che consultano ancora le mad, sia per essere già disponibili in caso le scuole utilizzino la piattaforma Supplenti.it.

Clicca qui per iscriverti a Supplenti.it

INVIA ORA IL TUO CURRICULUM ALLE SCUOLE

Per informazioni contatta la segreteria didattica allo 02 40031245

oppure il servizio orientamento via WhatsApp al n. 392 4412842

Iscriviti alla nostra pagina facebook -> CLICCA QUI

Inglese B2: aumenta il punteggio in vista dell’aggiornamento delle graduatorie

Versione stampabile
Argomenti: