Mese Educazione finanziaria: si chiude oggi 31 ottobre con numeri record

Stampa

Comunicato Miur – La seconda edizione del “Mese dell’Educazione Finanziaria”, organizzato dall’1 al 31 ottobre dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, si chiude con numeri da record: 602 appuntamenti all’attivo e la partecipazione di tutte le Regioni d’Italia.

Un risultato notevole, che testimonia il crescente interesse sia da parte dei cittadini che dei tanti soggetti, pubblici e privati, che quest’anno hanno organizzato eventi per contribuire a far crescere e diffondere l’educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale nel nostro Paese.

Il ‘Mese’ – che ha visto il debutto della prima Giornata Nazionale
sull’Educazione Assicurativa, il 9 ottobre, e che diventerà un
appuntamento fisso dei prossimi anni – si chiuderà oggi, in occasione
della Giornata Mondiale del Risparmio.

Nel dettaglio, il calendario 2019 del ‘Mese’ ha fatto registrare ben 252
appuntamenti in più rispetto ai 350 dello scorso anno (+72%), organizzati
in tutte le Regioni d’Italia, anche se Lombardia (143), Lazio (89) e Veneto
(42) da sole hanno fatto registrare quasi la metà degli eventi.

La gran parte degli appuntamenti ha riguardato l’educazione finanziaria
(510), seguita da quella previdenziale (64) e assicurativa (28).

Tante le modalità con cui si è fatta informazione: incontri, workshop,
seminari, lezioni, ma anche giochi, quiz, cacce al tesoro, cineforum,
rappresentazioni teatrali. E tante sono state anche le categorie coinvolte.

Il maggior numero di eventi è stato pensato per gli studenti delle Scuole
secondarie di primo e secondo grado e delle Università (310), seguiti dagli
adulti (120). Non sono mancati però appuntamenti rivolti alle famiglie, ai
professionisti ed alle imprese, ai bambini, alle donne e ai migranti.

Il successo dell’edizione 2019 del Mese dell’educazione finanziaria si
misura, quest’anno, anche sulla base della partecipazione e del
coinvolgimento dei cittadini attraverso le campagne informative messe in
campo sui media tradizionali e sui social network. La neonata pagina
Facebook del Comitato – a poche settimane dal debutto – conta oltre 18.000 nuovi fan; ottimi risultati arrivano anche dal canale YouTube del
Comitato.

“Voglio ringraziare tutte le persone che hanno lavorato in queste
settimane per organizzare ogni singolo appuntamento del calendario
2019 del Mese dell’educazione finanziaria. Insieme – dice Annamaria
Lusardi, direttore del Comitato per la programmazione e il
coordinamento delle attività di educazione finanziaria – abbiamo
trasformato l’Italia in un grande laboratorio, pieno di eventi creativi e
innovativi. Insieme – continua – abbiamo raggiunto ogni angolo del Paese
con tantissimi eventi, soprattutto per i giovani. Ora dobbiamo fare tesoro
del lavoro fatto, delle esperienze sui territori, dei bisogni dei cittadini”.

Il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di
educazione finanziaria ha il compito di programmare e promuovere
iniziative di sensibilizzazione ed educazione finanziaria per migliorare in
modo misurabile le competenze dei cittadini italiani in materia di
risparmio, investimenti, previdenza, assicurazione.

Il Comitato è composto da undici membri ed è presieduto da un
direttore, nominato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze d’intesa
con il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, tra
personalità con comprovate competenze ed esperienza nel settore. La
partecipazione al Comitato non dà titolo ad alcun emolumento o
compenso o gettone di presenza.

Il Comitato opera attraverso riunioni periodiche collegiali e il lavoro di
specifici gruppi cui possono partecipare accademici ed esperti nella
materia.

Sul sito www.quellocheconta.gov.it si possono trovare ulteriori
informazioni, articoli e comunicati stampa relativi all’attività del
Comitato, mentre testimonianze video e foto sono disponibili sul canale
Youtube e sui profili Facebook ITAedufin,  Twitter @ITAedufin e
Instagram @itaedufin.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur