Merito di Renzi? UIL: Un pasticcio determinato dalla mancanza di risorse

WhatsApp
Telegram

Giunge alle nostre stesse conclusioni la UIL scuola che oggi ha divulgato un documento nel quale sono presenti critiche e proposte al nodo del merito presente nella riforma della scuola.

Giunge alle nostre stesse conclusioni la UIL scuola che oggi ha divulgato un documento nel quale sono presenti critiche e proposte al nodo del merito presente nella riforma della scuola.

60 euro ogni 3 mesi, per il 66% dei docenti che riescono ad accumulare crediti legati alle performance didattiche, formazione ed incarichi: questa la proposta, in sintesi, del Governo per quanto riguarda la valorizzazione della professione docente. Il tutto a costi invariati.

E la stessa UIL, oggi commenta "Purtroppo è la mancanza di risorse che determina soluzioni pasticciate o negative. Una conclusione alla quale eravamo giunti pure noi della redazione, dopo l’analisi approfondita del testo.

E sulle risorse, lo stesso Sottosegretario Toccafondi, durante una interrogazione parlamentare svela gli altarini affermando che "le risorse attualmente destinate agli scatti stipendiali per il personale docente verranno utilizzato per il nuovo sistema di progressione non più basato solo sull’anzianità di servizio ma anche sul merito, sulla valutazione e sulle competenze acquisite nel tempo". Che tradotto significa un bel pasticcio.

La UIL va oltre e commenta: "Questa procedura che di fatto determinerebbe una nuova graduatoria nazionale, da aggiornare per la raccolta punti, dopo aver abolito quella dei precari rischia di allontanare dall’effettivo impegno d’aula, determinando disorientamento e disaffezione anziché riconoscimento del merito e dell’impegno."

E lancia la sua proposta: "un contratto innovativo i veri nodi irrisolti: opportunità, carriere per gli
insegnanti, riconoscimento anche economico dell’impegno e delle crescita professionale, con attività ed esiti
nel lavoro d’aula, aggiornamento della regolamentazione normativa del rapporto di lavoro. Purtroppo è la
mancanza di risorse che determina soluzioni pasticciate o negative."

Riforma scuola. Merito secondo Renzi: tagli agli stipendi da 26 a 45 euro mese, 72 per i nuovi docenti. 88% utenti dice no

Riforma scuola e stipendi. Passaggio da vecchio a nuovo sistema scatti, c’è chi perderà 5mila euro

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur