Merito. Anche i dirigenti scolastici distaccati sono oggetto di valutazione

WhatsApp
Telegram

I Dirigenti Scolastici distaccati presso altro ufficio vanno valutati alla stessa stregua di quelli in servizio presso le scuole. Lo ribadisce la nota Miur 12135 del 4 novembre 2016.

Considerando le diverse funzioni svolte dai dirigenti distaccati, le procedure e gli strumenti di valutazione non possono essere gli stessi dei dirigenti scolastici in servizio presso le scuole, ma devono essere adeguati. Pertanto questi devono essere concordati tra gli uffici presso i quali i dirigenti sono distaccati e l’ufficio centrale presso il quale risultano in organico.

Anche per i dirigenti distaccati per l’iter di valutazione bisogna partire dalla definizione degli obiettivi, il cui raggiungimento costituisce, assieme alla qualità dell’azione esercitata per perseguirli, elemento prioritario per l’esito del procedimento. L’individuazione di tali obiettivi, che doveva avvenire entro novembre 2016, spetta al direttore dell’ufficio di servizio del dirigente distaccato, in accordo con il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, che li inserisce negli obiettivi del contratto triennale del valutato.

La valutazione è annuale e si esprime in termine di avvicinamento a obiettivi e traguardi triennali. La documentazione delle azioni svolte e dei risultati raggiunti è riassunta in un portfolio che il dirigente deve compilare entro luglio 2017. Il portfolio è articolato in tre parti: anagrafe professionale, obiettivi – azioni professionali e risultati, documentazione della valutazione. Le prime due sono pubbliche e a cura del dirigente valutato, la terza è riservata e compilata a cura del direttore.

La valutazione si esprime in termini di pieno, avanzato, buono o mancato raggiungimento degli obiettivi.

La nota sottolinea che in fase di avvio del procedimento di valutazione, non essendoci ancora un sistema consolidato di valutazione che possa far riferimento a comportamenti e competenze attese, questo debba necessariamente essere lasciato alla discrezionalità del valutatore, tenendo presenti le competenze organizzativo – gestionali, le capacità relazionali e le competenze specifiche mirate ai compiti dell’ufficio che sono a conoscenza del valutatore stesso.

Il procedimento di valutazione deve concludersi entro settembre 2017.

Nota

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur