Mense scolastiche: in Emilia Romagna via il pangasio, si mangia pesce azzurro

Stampa

La Regione Emilia-Romagna  ha approvato una risoluzione per sostituire il pangasio, pesce low cost tra i più inquinati al mondo, con pesce azzurro dell’Adriatico. Si tratta di una scelta che ha un duplice obiettivo: sostegno economico all’attività ittica locale e  pesce di qualità per i bambini.

La graduale sostituzione del pangasio con il pesce azzurro delle coste regionali nelle mense scolastiche, sarà accompagnata da un’informazione alle famiglie sull’importanza del sostegno delle produzioni locali di qualità e da progetti didattici. L’intento è quello di avviare azioni di educazione alimentare nelle scuole, mirate ad insegnare a riconoscere la qualità dei prodotti e a leggere le etichette. Nell’emendamento si parla anche di incentivare nei bandi delle gare per appalti pubblici nel campo della ristorazione collettiva, “ l’utilizzo dei prodotti agroalimentari ecologici provenienti, ove possibile, da filiera corta a chilometro utile ”. […]

Il pangasio è molto diffuso soprattutto per una questione di prezzo: grazie ad un’alta produttività, (cresce in fretta) e un’alta resa (poco scarto e molta carne) è uno dei pesci più economici. Per questo fa molto gola alla ristorazione collettiva.

Tuttavia la Regione Emilia Romagna non è la prima ad aver avviato una politica a favore del pesce locale per le mense. Già le Marche , da quattro anni, con il progetto Pappafish , ha scelto di servire nelle mense scolastiche triglie, alici e gallinelle insegnando ai bambini a riconoscere la qualità del pesce dell’Adriatico.

Quale sarà la prossima regione ad avviare una risoluzione simile?

da foodinsider.it

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese