Mense scolastiche. E’ giusto che il dolce sia presente nel menu?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I dolci – afferma il 3° Rating menu scolastici Foodinsider – non sono previsti nelle linee guida e invece ci sono spessissimo.

Chi ha il record è Bolzano con 8 dessert: 4 yogurt, una crostata, una torta di carote, un budino, una torta margherita. A parte gli yogurt, si tratta di dessert prodotti dal centro cucina e non prodotti industriali.

Al secondo posto per numero di dessert si colloca Torino con: 2 barrette, Budino, Dessert, Yogurt alla frutta, Succo di frutta (il succo di frutta viene offerto anche a Genova una volta al posto della frutta e a Salerno 3 volte).

Mentre Trieste si rifornisce dalla pasticceria locale di crostata, polentina, polentina con mele, brioche con cioccolata.

Le proposte più frequenti di dessert sono quelle più facili: le confezioni industriali di yogurt di frutta e budino. Lo yogurt bianco, che lo scorso anno era tra le merende di Perugia, è rimasto, occasionalmente, tra gli spuntini di Jesi.

La soluzione migliore per il dessert l’ha trovata Mantova che offre un dolce al mese, ma senza zucchero, un bel compromesso per gratificare il gusto con un occhio alla salute.

Mense scolastiche, ecco dove si mangia meglio

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione