Mense, pasti da casa: in Emilia Romagna si apre il dialogo

di redazione
ipsef

Sulla possibilità data dai tribunali agli studenti di portarsi da casa il pasto “sono già in corso contatti tra l’assessorato Politiche per la salute e l’Ufficio scolastico regionale, per una prima disamina sul tema, e per avviare un confronto strutturato con i vari soggetti coinvolti”. Così il sottosegretario alla presidenza della Giunta, Andrea Rossi

Rossi ha ripercorso i punti salienti della recente sentenza del Tribunale di Torino, che ha sancito la libertà di scelta per i genitori tra refezione scolastica e pasto portato da casa e la possibilità per i bambini di consumare a scuola il cibo preparato a casa.

In questi casi, la sentenza ha stabilito la qualità igienica e nutrizionale è responsabilità dei genitori e che la scuola è impegnata a rendere possibile l’esercizio di questo diritto da parte dei genitori

Una sentenza, questa, che “si inserisce all’interno di un dibattito più ampio sulla ristorazione scolastica – ha sottolineato Rossi – dovuto a un contesto mutato e in continua evoluzione”. La tematica “non coinvolge unicamente l’amministrazione, ma numerosi soggetti come scuola, genitori, Servizi di Igiene e Nutrizione delle Aziende Usl, che sono chiamati a confrontarsi, in modo da individuare modalità organizzative e gestionali in grado di coniugare diritto di scelta e aspetti di vario tipo: logistico-organizzativi, igienico-sanitari, educativi e di promozione di sane abitudini alimentari”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione