Mensa scolastica, Chiamparino-Pentenero: a rischio funzione pedagogica del servizio. Necessario confronto con il Miur

Stampa

“Prendiamo atto con preoccupazione del nuovo pronunciamento del tribunale di Torino sul pasto domestico”.

Lo dichiarano in una nota congiunta il presidente della Regione Sergio Chiamparino e l’assessora all’Istruzione Gianna Pentenero che aggiungono: “La Regione Piemonte ha già sottolineato in più occasioni il rischio che le sentenze della magistratura possano mettere in discussione l’universalità del servizio mensa e la funzione pedagogica, sociale e di educazione alimentare di cui è portatrice. Siamo fermamente convinti che il tema dei costi troppo elevati della ristorazione scolastica non possa essere affrontato smontando una conquista raggiunta negli anni. Per questa ragione, considerando le conseguenze che la nuova decisione del tribunale avrà sull’organizzazione delle scuole e il carattere ormai nazionale che la questione ha assunto, riteniamo indispensabile avviare un confronto sul tema con il ministero dell’Istruzione. E’ infatti necessario un intervento legislativo di carattere nazionale che colmi il vuoto normativo messo in evidenza dalle decisioni della magistratura.

Intanto, in attesa della sentenza definitiva della Corte di Cassazione, a cui il Ministero ha manifestato l’intenzione di presentare ricorso, proponiamo a Comuni e autorità scolastiche di costituire un tavolo comune per monitorare la situazione, anche con particolare attenzione al tema della responsabilità di dirigenti e insegnanti, e predisporre eventuali interventi utili a rendere funzionale l’organizzazione scolastica e a ridurre al minimo i disagi di scuole e famiglie”.

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!