Meno laureati assunti nello Stato, ma più precari: Stato non più ammortizzatore sociale

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Lo Stato non è più da considerare come ammortizzatore sociale per il  collocamento al lavoro dei laureati.

Red – Lo Stato non è più da considerare come ammortizzatore sociale per il  collocamento al lavoro dei laureati.

Secondo uno studio di Almalaurea, solo l’11% per cento di chi si laurea trova lavoro nello Stato entro un anno, mentre l’83,5% viene assunto nel privato.

I precari però sono di più nello Stato con il 39%, mentre sono "solo" il 28% nel privato.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione