Meno bambini obesi in Italia, ma restano cattive abitudini alimentari

Stampa

E' calato in Italia il numero dei bambini in sovrappeso: lo ha rilevato la IV raccolta dati di 'Okkio alla Salute', il sistema di sorveglianza promosso dal ministero della Salute/Ccm (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie). Ce ne parla dire.it

E' calato in Italia il numero dei bambini in sovrappeso: lo ha rilevato la IV raccolta dati di 'Okkio alla Salute', il sistema di sorveglianza promosso dal ministero della Salute/Ccm (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie). Ce ne parla dire.it

Nel 2014 i bambini in sovrappeso sono il 20,9%, mentre il 9,8% sono obesi. Le prevalenze più alte si registrano nelle regioni del sud e del centro.

Dal 2008 a oggi "sono diminuiti i bambini di 8-9 anni in sovrappeso o obesi- fa sapere la ricerca- anche se rimangono elevati i livelli di eccesso ponderale, che pongono l’Italia ai primi posti in Europa per sovrappeso e obesità infantile". E non sono cambiate neanche le brutte abitudini alimentari.

Secondo l'indagine, "l'8% dei bambini salta la prima colazione; il 31% fa una colazione non adeguata (ossia sbilanciata in termini di carboidrati e proteine); il 52% fa una merenda di metà mattina abbondante; il 25% dei genitori dichiara che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e/o verdura, mentre il 41% dichiara che i propri figli assumono abitualmente bevande zuccherate e/o gassate".

Nel 2014 "il 16% dei bambini- prosegue la ricerca- non ha svolto attività fisica il giorno precedente l’indagine; il 18% pratica sport per non più di un’ora a settimana; il 42% ha nella propria camera la tv e il 35% guarda la guarda e/o gioca con i videogiochi più di 2 ore al giorno; 1 bambino su 4 si reca a scuola a piedi o in bicicletta". Infine, c'è scarsa consapevolezza da parte dei genitori circa lo stato ponderale del proprio figlio: dai dati emerge che "il 38% delle madri non ritiene che il proprio figlio sia in eccesso ponderale e solo il 29% pensa che la quantità di cibo da lui assunta sia eccessiva".

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata