Medicina deve essere laurea abilitante. Studenti sull’anticipo del tirocinio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato – Nei giorni scorsi il Consiglio di Stato ha espresso un parere rispetto allo schema di regolamento del Ministero dell’Istruzione sull’esame di stato e l’anticipo del tirocinio per l’abilitazione alla professione medica.

Il parere del Consiglio di Stato, favorevole all’anticipo del tirocinio e all’esame prima della laurea, presenta alcuni importanti suggerimenti che sollevano alcune questioni centrali, già sottolineate dagli studenti e le studentesse di medicina.

“Nella proposta nata dal coordinamento degli studenti di medicina di Link Coordinamento Universitario e dal coordinamento di Chi si Cura di Te- dichiara Riccardo Corradini di Link Area Medica- già si sottolineava la difficoltà dell’inserimento del tirocinio in corsi di laurea estremamente differenziati all’interno degli atenei di tutto il territorio nazionale. È necessario quindi uniformare i piani di studio, per ottimizzare l’insegnamento assicurando a tutti gli studenti una base di preparazione teorica comune e per rimodellare l’organizzazione dei tirocini al fine di poter costruire un inserimento del tirocinio abilitante”

“Riteniamo che tutti gli studenti, arrivati alla conclusione del 5° anno, abbiano le competenze necessarie per iniziare questi 3 mesi che potrebbero così avere il compito di limare gli angoli smussi della formazione pratica. Affinché gli studenti giungano preparati a tale prova, riteniamo fondamentale che, durante la didattica tutoriale presente nel corso di laurea, sia dedicata una maggiore attenzione allo studente da parte del tutor e siano inserite attività di laboratorio e di simulazione. Anche rispetto alla prova teorica dovrebbero esserci importanti modifiche del test, che dovrebbe essere composto da non più di 200 quesiti, che indaghino davvero le conoscenze del neo-laureato e ne mettano alla prova la capacità di ragionamento.”

“Riteniamo che per risolvere le questioni sollevate dal Consiglio di Stato, e per riuscire a mettere in pratica un’anticipazione del tirocinio realmente funzionale al percorso formativo degli studenti e delle studentesse- dichiara Irene Steinberg di Chi Si Cura di Te- sia dunque necessaria una vera e propria laurea abilitante in medicina. L’anticipo della parte pratica dell’esame di abilitazione durante l’ultimo anno del corso di laurea costituisce una misura ponte. La soluzione definitiva non può prescindere da un rimodernamento dei corsi di laurea in Medicina, che veda l’istituzione di un piano di studi uniforme su tutto il territorio nazionale ed al cui interno siano contenuti tutti gli elementi necessari alla formazione completa del giovane medico. Per tale ragione, è nostra intenzione, nei prossimi mesi, aprire il dialogo tanto con le Università quanto con i deputati organi ministeriali, affinché sia avviato un percorso condiviso che porti all’ottimizzazione del percorso di formazione medica in tutti i suoi aspetti.”

Studenti e studentesse di Link Area Medica Coordinamento Chi si cura di Te

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione