Maturità, Skuola.net: ecco cosa (non) sanno studenti su voti e commissione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Skuola.net – Come sono strutturate e quanti punti assegnano le prove, come sono composte le commissioni, chi decide le tracce dell’esame di Stato: sono quelle “regole” che gli studenti, alla vigilia della Maturità, dovrebbero avere ben presenti. Ma già dalle basi s’intuisce che le cose non sono proprio chiarissime: clamoroso che 2 maturandi su 10 non sappiano che la maturità 2017 inizi il 21 giugno. Ma è solo l’aspetto che balza di più agli occhi. A dirlo è una web survey di Skuola.net su circa 2mila maturandi.

In pochi, ad esempio, sanno a quale punteggio corrisponde la sufficienza al colloquio orale: più di 1 maturando su 2 (il 57%) sostiene che sia 18. Ma, regolamento alla mano, al candidato considerato ‘sufficiente’ non può essere attribuito un voto inferiore ai 20 punti su 30; a saperlo però è solo il 35% di chi tra poco dovrà sostenerlo. Gli studenti sono decisamente più preparati sulle prove scritte: il 72% sa bene che per essere valutati sufficienti in ognuno dei tre scritti non si deve scendere sotto i 10 punti (sui 15 a disposizione per ogni prova). Disorientato ‘solo’ il 28% che sbaglia la risposta.

I dubbi rimangono anche sulla composizione delle commissioni. Meno di 3 studenti su 4 (il 72%) sanno che di fronte si troveranno un presidente e 6 commissari (3 interni e 3 esterni), mentre 1 su 10 è ancora convinto che saranno 8 (4 interni e 4 esterni) e l’11% che arriveranno addirittura a dieci (5+5). Le cose non cambiano neanche quando si affronta l’argomento ‘materie’ oggetto di seconda prova. Se, infatti, la stragrande maggioranza (76%) sa che spetta al Ministero decidere su quali argomenti verteranno le tracce, c’è anche un 9% che immagina sia un compito delle singole commissioni.  Il 5% addirittura ‘ufficializza’ la regola (non scritta) dell’alternanza delle materie protagoniste dello scritto di indirizzo.

Non va meglio per le tracce della terza prova. Norma vuole che sia l’intera commissione a deciderle, in base ai programmi svolti dalle singole classi. Peccato che ne sia al corrente appena il 59% dei maturandi. Per 1 su 10, invece, la decisione spetta solamente ai commissari esterni. E il 22% – sbagliando – si aspetta tracce elaborate dal Miur. Non sfugge la prima prova: solo il 65% degli studenti sa che potrà scegliere tra quattro tipologie diverse di traccia (analisi del testo, saggio breve o articolo di giornale, tema storico e d’attualità). Per gli altri, la prima prova sarà una (ci auguriamo, bella) sorpresa.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione