Maturità, Segre: “torni il tema di storia”. Fioramonti disposto a rivedere prova italiano

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il ministro Fioramonti si mostra disposto a cambiare la prova di italiano dell’esame di Stato, dopo la richiesta della senatrice a vita Liliana Segre di introdurre la storia alla Maturità.

Condivido l’idea che la Storia debba tornare ad essere centrale nel modello formativo delle nostre scuole: in buona parte lo è. Non voglio, però, che il ministero sia partecipe di un’instabilità della Maturità. Stiamo ragionando sull’intera prova, docenti e studenti devono sapere con mesi di anticipo e con esattezza cosa accadrà all’esame di Stato. Raccolgo l’appello della senatrice Liliana Segre, che stimo molto” lo dice Fioramonti in occasione di Fiera Didacta a Firenze.

La senatrice a vita Liliana Segre ha espresso nuovamente la necessità dell’inserimento della storia nell’esame di Stato, inviando un messaggio per l’inaugurazione di Didacta 2019, e spiegando che “è un modo per riconoscere la funzione della storia nella formazione delle nuove generazioni, conoscere la storia contemporanea aiuta non solo a evitare errori, ma anche a parlare di termini come tolleranza, interculturalità, accoglienza, solidarietà “. Segre ha sottolineato di aver posto il tema in Commissione Senato.

Fioramonti proprio ieri ha firmato il decreto per il conferimento del dottorato honoris causa alla senatrice a vita, per il suo impegno a favore dell’intercultura e della tolleranza.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione