Maturità: la griglia di valutazione può essere adattata, dove necessario, al PEI e al PDP. FAQ

WhatsApp
Telegram

Il prossimo 22 giugno l’inizio degli esami di Stato del secondo ciclo d’istruzione con la prima prima prova scritta, italiano. Quest’anno tornano infatti gli scritti dopo i due anni di pandemia. Il 23 giugno sarà il giorno della seconda prova. Il Ministero ha predisposto un sito dedicato sugli esami.

Due FAQ riguardano la valutazione delle prove

Come si procede nel valutare le prove specifiche dei percorsi Esabac e Esabac-techno e dei percorsi a opzione internazionale, di cui all’articolo 23 dell’Ordinanza ministeriale 65 del 2022?
Tali prove, sostenute ai fini del conseguimento del Baccalauréat o della specifica attestazione, sono oggetto di distinta valutazione, per la quale le commissioni possono predisporre apposite griglie di valutazione. Si precisa che della valutazione di tali prove si tiene conto anche nell’ambito della valutazione generale del colloquio, riconducendo l’accertamento delle competenze linguistico-comunicative e delle conoscenze e competenze specifiche agli indicatori della griglia di valutazione della prova orale. Resta in ogni caso esclusa la possibilità di effettuare una media aritmetica tra la valutazione ai fini del Baccalauréat/attestazione dei percorsi internazionali e la valutazione complessiva del colloquio d’esame.

La griglia di valutazione (allegato A all’OM) deve essere obbligatoriamente adottata?
Sì. Può essere esclusivamente adattata, dove necessario, al PEI e al PDP.

Lo speciale di Orizzonte Scuola

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur