Maturità, deve essere garantita presenza e collaborazione del personale ATA. Attesa proroga supplenze

WhatsApp
Telegram

Poche settimane e inizieranno gli esami di Maturità: il 21 giugno la prima prova scritta, il 22 la seconda prova e poi il colloquio. Con nota n. 15851 del 12 maggio 2023 il Ministero ha illustrato gli adempimenti di carattere operativo e organizzativo relativi all’esame.

Anche il personale ATA collabora alla buona riuscita delle operazioni relative all’esame di Stato del secondo ciclo di istruzione.

I locali – si legge nella nota – devono infatti essere idonei allo svolgimento degli esami, sotto il profilo della sicurezza, dell’agibilità e dell’igiene, nonché dignitosi e accoglienti.

Il personale ATA supporta inoltre le commissioni d’esame: dovrà essere assicurata un’attività continua e puntuale di assistenza e di supporto alle Commissioni, garantendo, con un’adeguata preventiva programmazione, la presenza e la collaborazione del personale amministrativo, tecnico e ausiliario presente in ciascuna istituzione scolastica nell’assolvimento, per la parte di rispettiva competenza, degli specifici e delicati compiti connessi allo svolgimento delle operazioni di esame. In particolare, gli uffici di segreteria dovranno provvedere a inserire tutti i dati degli studenti necessari per l’utilizzo dell’applicativo “Commissione web”.

Nota

Proprio per il corretto svolgimento degli esami di Maturità e gli ulteriori carichi di lavoro che le operazioni legate agli esami comportano, i dirigenti scolastici possono richiedere la proroga dei contratti di supplenza del personale ATA oltre il 30 giugno.

Il Ministero emana annualmente la nota che concede la proroga. Quest’anno non c’è stato ancora il via, i Sindacati hanno chiesto un incontro al Ministero. In Piemonte c’è l’ok dell’USR.

Gli esami di Stato non sono l’unico motivo per il quale si può chiedere la proroga.

La proroga dei contratti di supplenza può essere richiesta in caso di motivate necessità connesse alo svolgimento degli esami, al recupero debiti nelle scuole secondarie di secondo grado, e a tutte quelle situazioni eccezionali che possano pregiudicare l’effettivo svolgimento dei servizi di istituto con riflessi sull’ordinato avvio dell’anno scolastico.

I dirigenti scolastici possono richiedere la proroga qualora non sia possibile assicurare l’effettivo svolgimento dei servizi di istituto mediante l’impiego di personale a tempo indeterminato e di personale supplente annuale.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€