Maturità 2020, modelli di domanda per messa a disposizione (MAD) per sostituzione commissari

di redazione

item-thumbnail

Maturità 2020: il Miur non ha ancora pubblicato l’ordinanza per la nomina dei commissari esterni con la relativa scadenza per le domande.

Molto probabilmente anche quest’anno si renderà necessario avere a disposizione le domande di messa a disposizione (MAD) fuori elenco.

Gli Uffici Scolastici territoriali si attiveranno quindi per la pubblicazione del relativo modello di domanda.  Al momento hanno pubblicato:

CAMPANIA

Caserta

EMILIA ROMAGNA

l’Ufficio Scolastico di Reggio Emilia  

TOSCANA

Pistoia

ALTO ADIGE 

Bolzano

VENETO

Belluno

AT Treviso

N.B. La pagina sarà aggiornata man mano che gli Uffici Scolastici pubblicheranno il relativo modello di domanda.

Fare attenzione ad eventuali scadenze per la presentazione.

Qualora ci fossero Uffici Scolastici che non pubblicano il modello, sarà possibile presentare uno di quelli disponibili.

Chi può presentare domanda

I docenti che non possono presentare domanda su Istanze on line per la partecipazione alla Maturità 2020 come commissari esterni  possono presentare domanda cartacea di messa a disposizione all’Ufficio Scolastico.

La domanda di messa a disposizione interessa perlopiù i docenti precari che non abbiano avuto l’obbligo (o che non si siano avvalsi della facoltà) di presentare domanda per gli Esami di Stato della scuola secondaria II grado per l’a.s. 2019/20.

Sostituzione commissari assenti o rinunciatari

La domanda di messa a disposizione serve agli Uffici Scolastici per avere un elenco di insegnanti pronti a sostituire i commissari che dopo la nomina, saranno rinunciatari o assenti.

Requisito di accesso

E’ possibile inoltrare tali domande solo con la laurea specialistica/magistrale o laurea di vecchio ordinamento (comprensiva dei CFU necessari per accedere all’insegnamento): non occorre dunque essere abilitati, anche se generalmente l’abilitazione costituisce titolo di preferenza.

Le domande possono essere inviate a più Uffici provinciali. Si consiglia comunque di non inviare domanda di messa a disposizione in province difficili da raggiungere, data l’esigenza di prendere servizio in breve tempo.

I compensi

Attenzione anche al fatto che i compensi non sono immediati, ma occorre aspettare il mese di agosto/ settembre per i bonifici; il pagamento viene calcolato sulla distanza chilometrica percorsa con mezzi pubblici tra Ufficio Scolastico e scuola di servizio. E’ possibile comunque chiedere un acconto sui compensi, pari alla metà della quota, alla scuola di servizio.

QUANTO SI GUADAGNA. I compensi non sono aggiornati dal 2007. Leggi tutto

Versione stampabile
soloformazione