Maturità, classe ripete esame: indagata la docente che rivelò gli argomenti per orale. La Procura indaga per rivelazione del segreto istruttorio

WhatsApp
Telegram

La docente del Liceo Linguistico Galilei Galileo di Spadafora è finita sotto indagine della Procura di Messina per aver presumibilmente divulgato informazioni confidenziali riguardanti gli esami di maturità.

La vicenda ruota attorno alla diffusione, tramite WhatsApp, di cinque raccomandazioni su materie da preparare per il primo esame orale, successivamente annullato e riprogrammato a novembre.

Come segnala Rai News, a seguito di un’ispezione dell’Ufficio scolastico regionale, undici studenti si sono trovati costretti a ripetere gli esami tra il 9 e l’11 novembre. Questa decisione è stata presa in seguito al ricorso di alcune studentesse, insoddisfatte del voto ricevuto e della mancata ricezione delle indicazioni fornite dalla docente ad altri compagni di classe.

L’inchiesta ha rivelato che la docente, membro della commissione d’esame, aveva condiviso su una chat di classe cinque argomenti chiave. Sorprendentemente, uno di questi argomenti è stato effettivamente selezionato dalla commissione durante l’esame. Tutti gli undici studenti coinvolti sono stati promossi a novembre, compresa la studentessa che aveva presentato il ricorso.

La docente in questione è stata sospesa dall’incarico per alcuni mesi da un comitato di disciplina istituito dal dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale. Quest’ultimo ha disposto l’archiviazione per altri cinque membri della commissione. Questo episodio solleva interrogativi significativi sull’etica e la trasparenza nel sistema scolastico, sottolineando la necessità di un’attenta revisione delle procedure e delle politiche in vigore.

WhatsApp
Telegram

TFA SOSTEGNO IX CICLO 2024. Hai i requisiti per accedere? Inizia subito a prepararti con la metodologia vincente di Eurosofia