Maturità 2023, il ricordo del ministro Valditara: “Scelsi Carlo Porta per il tema d’italiano”

WhatsApp
Telegram

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, si è concesso un momento di nostalgia durante un’intervista con RTL, ricordando il proprio esame di Stato.

Valditara ha narrato di come ha dovuto affrontare un’ultima prova poco prima dell’esame, mettendosi alla prova con un quaderno di matematica dimenticato. Le settimane di preparazione non furono facili, e il ricordo delle notti insonni di studio ancora lo perseguita.

Il Ministro ha condiviso un particolare dettaglio della sua preparazione. “Dopo la prima interrogazione, avevo chiuso il quaderno di matematica, pensando che non sarebbe stato incluso nell’esame”, ha detto. La sua insegnante, tuttavia, lo ha sollecitato a recuperare i quattro mesi di programma non studiati, dando luogo a due settimane di intenso studio.

Valditara ha parlato con entusiasmo della prova scritta, un tema su Carlo Porta, poeta dialettale milanese, e dei suoi personaggi popolari veraci e umani. Questa sfida, ha detto, lo ha coinvolto e stimolato a un livello profondo.

L’interrogazione di greco, un dialogo con i docenti su argomenti di grammatica e sul pensiero profondo dietro i passi studiati, è un altro ricordo che Valditara custodisce con piacere.

Rivolgendosi ai futuri diplomati, il Ministro ha descritto l’esame di Stato come “un momento importante, un’occasione per fare il punto su un percorso durato 13 anni”.

Poi Valditara ha incoraggiato gli studenti a vivere questo momento con entusiasmo e serenità, e a guardare avanti con ottimismo verso le vacanze estive e i nuovi impegni che li arricchiranno. Il titolare del dicastero di Viale Trastevere ha concluso con un caloroso “in bocca al lupo”, esprimendo la sua convinzione che gli studenti festeggeranno con gioia la fine di un percorso significativo.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri