Maturità 2023, Crepet: “Studenti in confusione sull’esame è sconcertante, è la fine della scuola”

WhatsApp
Telegram

“È sconcertante. Quale confusione, quale disagio, la pandemia? Assolutamente no. È la fine della scuola, in tanti anni si è riusciti a distruggerla e il risultato sono i falsi positivi di chissà quale disagio”.

Lo ha detto all’Adnkronos lo psichiatra Paolo Crepet, in merito a ‘uno stato di confusione’ che stanno vivendo i maturandi segnalato da una recente indagine di Skuola.net.

“C’è il disagio per la scuola, per l’esame ma non per andare a bere lo spritz – evidenzia Crepet – certo la scuola italiana promuove tutti in un tripudio di generosità e di gioia. Quando l’esame di maturità promuove il 99% degli studenti, vuol dire che è tecnicamente fallita”.

Secondo lo psichiatra “a pochi giorni dall’esame non si può non avere chiaro come questo si svolga, o non aver ancora compreso come si svolge la prima prova – sottolinea – ma allora mi chiedo in questi ultimi mesi, giorni, cosa è stato fatto, di cosa si è parlato in classe: non è possibile. Ma quale stato confusionale: queste sono le macerie di un bombardamento della scuola negli ultimi 30-40 anni. E credo che questo sia un gong, un allarme e che sia necessario intervenire in qualche modo perché questi ragazzi sarebbero il futuro, ma quale futuro”.

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia