Maturità 2023, Crepet: “Abbiamo insegnato ai giovani a vivere in un mondo che corre, non ad aspettare”

WhatsApp
Telegram

“Un omaggio all’attesa nell’epoca di Whatsapp”. Così lo psichiatra Paolo Crepet ha definito la traccia proposta per l’esame di maturità, ispirata a un articolo del critico letterario Marco Belpoliti.

Crepet vede l’attesa non come un ostacolo, ma come un’acquisizione preziosa della mentalità romantica, un concetto che risente di un’evoluzione moderna.

L’accelerazione, l’urgenza di efficienza, sono influenze profonde dell’era tecnologica sulla mentalità contemporanea. “Abbiamo insegnato ai giovani a vivere in un mondo che corre, non ad aspettare” sostiene Crepet. E cita la transizione dalla penna stilografica alla macchina da scrivere come esempio di questa evoluzione costante verso la rapidità, al costo della lentezza meditativa di un tempo.

Non è solo una questione di tecnologia, argomenta Crepet, ma un cambiamento nel cuore del nostro modo di vivere. L’attesa, valorizzata durante l’epoca del Romanticismo, è stata sostituita da un bisogno d’immediatezza nel presente. E non si tratta solo di rapidità, ma di sacrificare la qualità sull’altare della velocità.

E cosa significa tutto ciò per i giovani di oggi? Crepet sottolinea la difficoltà che i ragazzi hanno nel comprendere il valore dell’attesa, una competenza che hanno perso nel mare dell’immediatezza. Crepet ricorda un’esperienza in cui insegnava a dei bambini a rallentare, un’esperienza sia gioiosa che dolorosa, in quanto i bambini faticavano a sottrarsi al ritmo frenetico della loro vita quotidiana.

Crepet osserva che il concetto di attesa è diventato contro natura in un mondo che ci chiede di correre continuamente. “Non lo sopporteremmo, e non solo per una questione fisica, ma per una questione di disponibilità mentale”. E lamenta la perdita dei tempi di attesa, simboli della nostra cultura, come il gioco di carte nei bar, ora considerati un lusso che non possiamo permetterci.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA