Maturità 2023, Bruschi ai commissari: “Mettete i ragazzi a loro agio. Se c’è stata una girandola di insegnanti non è colpa degli studenti”

WhatsApp
Telegram

Dal proprio profilo Facebook l’ispettore Max Bruschi fa gli auguri ai maturandi che oggi iniziano l’esame di Stato e fa alcune raccomandazioni alle commissioni.

In bocca al lupo a tutti. E una sola raccomandazione: anzi due, rivolte a presidenti e commissari, basate su un’esperienza ormai ultradecennale e su alcuni quesiti freschi freschi… la prima, leggete l’ordinanza, applicatela, e lasciate perdere i vari “sunti”. Aggiungo che i verbali di Commissione Web rappresentano una sorta di “manuale Ikea”. Basta seguirli“, esordisce Bruschi.

La seconda – prosegue -: al centro dell’esame non c’è la “procedura”, che è solo “funzionale” e che va seguita con buon senso, senza aggiungere elementi ultronei e alterazioni indebite. Al centro dell’esame c’è la verifica dei risultati di apprendimento, la valorizzazione dei percorsi compiuti. In sostanza, il fulcro dell’esame sono i ragazzi. Occorre metterli a proprio agio per consentire loro di offrire il meglio di sé, tenendo anche conto (e in causa entrano i “commissari esterni”) delle situazioni limite”.

E ancora: “Se sono una classe “spezzonata”, che ha subito una girandola di insegnanti, non è colpa degli alunni; se il documento del 15 maggio è deludente, o è una narrazione che ha relazioni molto labili con la realtà, non è colpa degli alunni. I presidenti hanno tutti gli strumenti per fare qualsivoglia segnalazione. Ma la sede di esame è (anche) un ambiente di apprendimento che deve essere “positivo”. Buon lavoro!”

Maturità 2023, prima prova: da Quasimodo ad Angela, ecco le tracce ufficiali [scarica PDF]

WhatsApp
Telegram

Concorso Dirigenti scolastici, preselettiva superata? Preparati per lo scritto