Maturità 2022, Vincenzo affronta l’esame a 64 anni: “Promessa a mia moglie morta di Covid”

WhatsApp
Telegram

Vincenzo Lifrieri, 64 anni e nativo di Spezzano Albanese (in provincia di Cosenza), sostiene a Salerno la prima prova scritta di italiano agli esami di maturità.

La notizia è riportata dal quotidiano Il Mattino, a cui l’uomo ha raccontato che il 21 gennaio 2021 sua moglie Tina Lanzara, maestra salernitana, è morta per Covid e con lei aveva fatto una scommessa: iscriversi all’istituto Galileo Galilei per concludere il percorso di studi intrapreso anni fa.

Lifrieri ha raccontato al giornale che “il virus s’è portato via mia moglie” e che durante l’anno scolastico 2019/2020 aveva promesso di conseguire la maturità.

“Ho imparato a usare il programma Autocad – racconta al Mattino – che serve a progettare disegni tecnici al computer. I miei professori mi hanno insegnato molto bene ad utilizzarlo. Devo ammettere che non ho una grande praticità per gli anni, ma ho profuso tanto impegno per colmare le mie lacune. Ho voglia di riuscirci perché ho studiato”.

“Ai giovani che nel salernitano hanno abbandonato gli studi – afferma Lifrieri al Mattino – posso dire che la scuola regala un orizzonte di senso che nessun lavoro col facile guadagno può dare”.

“Non è mai troppo tardi per maturare competenze e reinserirsi nel mondo economico e produttivo della società, per essere nuovamente cittadini attivi e partecipare allo sviluppo della società civile – dice al quotidiano il preside Emiliano Barbuto – Questa storia insegna che è possibile sempre nella vita riqualificare il proprio titolo di studio e riprendere in mano il proprio futuro. A 64 anni non ci si può sentire finiti”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur