Maturità 2022, si può prendere 100 anche con un’insufficienza nella seconda prova. Bianchi: “Uscire dalla logica del bilancino, l’esame non è questione di punti”

WhatsApp
Telegram

La nuova maturità è realtà. La scelta per il 2022 è stata tormentata, ma alla fine è arrivata: due prove scritte e una prova orale.

Nel mirino, però, dell’opinione pubblica c’è la seconda prova tanto che alla fine è diventata quasi ininfluente.

In un articolo sul Corriere della Sera si evidenzia questa “stranezza”.

“Combinato con il fatto che il peso totale dell’esame è sceso a 50 punti (gli altri 50 sono assegnati in base ai voti del triennio), può provocare un effetto paradossale: in teoria anche chi prendesse 5 nella seconda prova, potrebbe comunque ambire a ottenere 100/100, il massimo dei voti.  Infatti la commissione ha a disposizione fino a 5 punti di bonus per gli studenti più meritevoli. Se prendono il massimo nel tema (15 punti) e nell’orale (25 punti) bastano a colmare l’eventuale brutto voto della seconda prova”, si legge nell’articolo apparso sul sito internet del quotidiano.

Il ministro Bianchi, solleticato sull’argomento, precisa: “Dobbiamo uscire dalla logica del bilancino. La Maturità non è questione di un punto di qui, un punto di là: è un esame che serve a valutare come lo studente affronta questo passaggio della vita. Il problema c’è, ma non potevamo non tenere conto dello sforzo fatto dai ragazzi in una situazione di emergenza”.

LA GUIDA DI ORIZZONTE SCUOLA ALL’ESAME 2022

Maturità 2022, indicazioni per domanda Presidente e formazione commissioni. TUTTE LE GUIDE con ORDINANZE DA SCARICARE

Maturità 2022, attribuzione e conversione credito scolastico. Come procedere

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur